• Announcements

    • Lord Zaku III

      Vuoi creare e gestire un tuo blog personale gratuito in maniera semplice? Clicca qua!

      Per leggere la guida su come creare e gestire un tuo blog personale gratuito in maniera semplice andate qua! E' facile, devi solo eseguire la guida e aprire un tuo blog. Se hai difficoltà invia una eMail a lordzaku3@hotmail.com o altrimenti inviami un pm personale Se ti impegnerai potrai persino aspirare a diventare moderatore di sezione o entrare nel prestigioso staff di Lega-Z.com
    • Lord Zaku III

      Vuoi inserire/uppare finalmente le tue immagini preferite su un multi images hosting infinito e per sempre? Clicca qua!

      Per leggere la guida su come inserire e gestire immagini personali (e non). In maniera gratuita e semplice andate qua! E' facile, devi solo eseguire la guida e caricare le tue immagini preferite. Se hai difficoltà invia una eMail a lordzaku3@hotmail.com o altrimenti inviami un pm personale Se ti impegnerai potrai persino aspirare a diventare moderatore di sezione o entrare nel prestigioso staff di Lega-Z.com
    • Lord Zaku III

      Regolamento Generale

      In Questo Posto Regnano Pace E Tranquillità Chi Disturba La Quiete Verrà Punito Severamente La Community di Lega-Z.com è posto a disposizione degli utenti della Rete per interagire tra di loro. E' vietato inserire contenuti che possano violare diritti di terzi o comunque essere illegittimi. L'inserimento di contenuti in dette aree presuppone la presa visione e piena accettazione delle regole di Netiquette, regole applicate e rispettate all'interno di questo sito web. Lo Staff di Lega-Z.com non si assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi nel forum in quanto, nonostante ogni ragionevole sforzo per essere costantemente presenti, non si è nella possibilità materiale di esercitare un controllo approfondito sugli stessi. Ci sono delle regole che devono essere rispettate per una civile convivenza: -Non sono consentiti messaggi che violino leggi dello stato. -Non è consentito usare un linguaggio volgare, razzista o che possa offendere la moralità. -Non è consentito aprire topic che possano risultare in qualche modo offensivi nei confronti di un utente del forum o che comunque possano creare una simile impressione. -Le dimensioni della firma non devono superare i 400x100 pixel e nelle firme non sono ammesse più di quattro frasi -Rispettate sempre le opinioni altrui, siete liberi di criticare e di non essere daccordo su qualsiasi cosa ma sempre nel rispetto reciproco. In caso contrario i moderatori sono autorizzati a intervenire. Detto questo buon divertimento Per qualsiasi disguido o lamentela in seguito al non rispetto del manifesto segnalate il tutto a un moderatore. Saremo lieti di sistemare ogni cosa che possa offendere la sensibilità altrui Lo Staff Di Lega-Z.com
    • Lord Zaku III

      Come si fa a partecipare sulla community di Lega-Z.com? Come si fa a rimanere sempre aggiornati? Clicca qua!

      Per leggere la guida sul Come posso partecipare sulla community di Lega-Z.com? Come si fa a rimanere aggiornati sulla community di Lega-Z.com? andate qua! E' facile, devi solo eseguire la guida e potrai finalmente iniziare a scrivere commenti anche tu. Se hai difficoltà invia una eMail a lordzaku3@hotmail.com o altrimenti inviami un pm personale Se ti impegnerai potrai persino aspirare a diventare moderatore di sezione o entrare nel prestigioso staff di Lega-Z.com Buona partecipazione a tutti!
    • Lord Zaku III

      Aiutaci a tradurre o dai una mano alla crescita

      Ti piacerebbe tradurre? Ti piace scrivere? Ti piacerebbe dare una mano? Vorresti un bel passatempo? Bravo, invia subito una eMail a lordzaku3@lega-z.com o altrimenti invia un pm (personal message - messaggio personale) a Lord Zaku III Se ti impegnerai potrai persino aspirare a diventare una fenice, un moderatore di sezione o entrare nel prestigioso staff di Lega-Z.com
Sign in to follow this  
Followers 0
sawatari Go

[STORY] Storia Delle Console

9 posts in this topic

qualsiasi sisteSi definisce console qualsiasi sistema informatico esclusivamente concepito per l'esecuzione di

programmi di intrattenimento (detti videogiochi).

Numerose sono le industrie e le aziende che dal 1976 (anno in cui furono concepiti i primi Personal Computer) ad oggi

hanno prodotto e realizzato console di ogni tipo. Così come avviene nel mondo dei computer, anche l'universo delle

console presenta una classificazione con la quale si categorizzano i diversi tipi di dispositivi. Le console infatti vengono distinte in "portatili" e "da tavolo" (o "fisse"). Queste linee del tempo mostrano solo le principali console immesse nel mercato mondiLE

user posted image
--

PONG è stato il primo videogioco commerciale. Si trattava di un simulatore di ping-pong (da cui il nome "PONG"), dalla grafica estremamente semplificata in bianco e nero.

Un giovane ingegnere della Sanders Associates inizia a lavorare su "un progetto per un utilizzo alternativo degli apparecchi televisivi". Il progetto incontra però grosse difficoltà e la sua conclusione finirà per slittare al 1971:

La Magnavox commercializza quindi il gioco prodotto dalla Sanders con il nome di Odyssey. Questo è da considerarsi

l'antenato di "PONG" e la prima console della storia.

Il 27 gennaio 1972 la Magnavox, divisione statunitense della Philips, mise in vendita, Odyssey, la prima macchina che

rispondesse ai requisiti di console. Per console, si intende una macchina elettronica, collegabile al televisore, che

permette tramite una interfaccia, il pad, di interagire con una immagine prodotta appunto sul Tv.

L’Odyssey in realtà era una macchina troppo semplice, utilizzava ancora i transistor, circa 40 che la rendevano

costosa e povera tecnicamente. Gli unici giochi possibili erano varianti sul tema Pong, il gioco ideato da Baer, anni

prima.

Nella scatola erano inclusi: la console, il pad, dei fogli trasparenti, una tabella per segnare i punti ed un mazzo

di carte. Tecnicamente Odyssey non era in grado di gestire nemmeno le linee del campo: i fogli trasparenti servivano

appunto per questo, mentre erano previste, espansioni, tipo delle cartucce, che però non furono mai messe in

commercio.

Odyssey, fu un fiasco commerciale: ne furono vendute circa 100.000, a causa del prezzo troppo alto, circa 100$ contro

i 20$ del target di utenza, sia per colpa della Magnavox stessa, che mise in commercio il prodotto solo attraverso i

suoi negozi, per di più con una pubblicità che mirava a far credere alla gente che il prodotto potesse funzionare solo

su Tv della marca olandese.

Produttore Philips

Tipologia console a 8 bit

Generazione Era 8 bit

Presentazione

alla stampa 1978

In vendita 1978

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo Joystick

Servizi online non presente

Unità vendute {{{unità}}}

Gioco più diffuso -

Predecessore nessuno

Successore Philips Videopac G7200

user posted image

Contemporaneamente un ragazzo fresco di laurea che porta il nome di Nolan Bushnell, che diventerà in seguito il

fondatore della Atari, segue parallelamente la stessa strada. Da lui nascerà nel 1972 uno dei primi videogiochi coin-op (attivati a monete) della storia (il primo in assoluto fu Computer Space del 1971, ideato dallo stesso Nolan,

e che però ebbe meno successo), ovvero PONG, che ricalcava molto da vicino il gioco della Sanders con alcune

differenze di gameplay come la possibilita di dare effetti al tiro colpendo la pallina all'ultimo momento.

user posted image

Fondata negli Stati Uniti nel 1972 da Nolan Bushnell e Ted Dabney, all'Atari si può attribuire l'inizio dell'industria videoludica con il seme Pong. La versione domestica di Pong, che si connetteva ad un televisore, fu una delle prime console.

user posted image

Produttore Atari

Tipologia Consolle a 8 bit

Generazione Prima del crash dell'82

Presentazione

alla stampa

In vendita Ottobre 1977

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo Joypad

Servizi online modem telefonico e cartuccia speciale per il download a pagamento di videogiochi

Unità vendute {{{unità}}}

Gioco più diffuso Combat, Pac Man

Predecessore nessuna

Successore Atari 5200

user posted image--user posted image

Vennero prodotte più varianti di Atari 2600: l'originaria aveva sei levette poste sulla plancia ed era chiamata heavy sixter anche per via del suo peso maggiore; la seconda del 1978 era più leggera per via di una minore schermatura RF; la terza versione degli anni ottanta era identica alla seconda ma con quattro levette (I selettori di difficolta A£B non più utilizzati nei giochi recenti furono posti sul retro della console) a cui a breve venne sostituito il frontalino in radica a favore di uno più economico in plastica. Vennero anche prodotte due riedizioni: l'Atari 2800, dall'aspetto simile all'Atari 5600 e con quattro porte joystick, e l'Atari 2600 Jr., dall'aspetto simile all'Atari 7800.

user posted image

L'impero dei videogiochi.

Nonostante il successo ottenuto negli anni scorsi l'ascesa del successo delle console vero è datata 1982 anno in cui vennero sfornati prodotti di successo commrciali notevoli che convinsero investitori e produttori a buttarsi in pompa magna a quello che sara' l'eta' dell'oro dei video game da casa.

Il Sinclair ZX Spectrum, prodotto a partire dal 1982 dall'inglese Sinclair Research Ltd. di sir Clive Sinclair, era un home computer dotato di 16 KByte ROM e di 48 Kbyte RAM (o 16 KByte nella versione ridotta), processore a 8-bit Z80 e una singolare tastiera in lattice con 40 tasti multifunzione. Caratterizzato da un ingombro ridotto e da un design molto curato e gradevole, fu il primo computer ad infrangere al ribasso la barriera psicologica delle 100 sterline di costo.

In Europa riuscì a contrastare lo strapotere del Commodore 64, conquistandosi una discreta fetta di mercato, grazie al prezzo di listino invitante (merito delle tante soluzioni costruttive adottate per contenere i costi, che ne fecero per molto tempo il computer con il miglior rapporto prezzo-prestazioni).

Scheda interna Zx Spectrum (Edizione 3B - 1983)

Ingrandisci

Scheda interna Zx Spectrum (Edizione 3B - 1983)

Lo Spectrum era dotato di linguaggio BASIC (versione modificata dalla Sinclair) già presente in ROM. I programmi risiedevano su nastro (audiocassetta) e potevano essere caricati tramite qualunque registratore mono (non senza problemi di taratura delle testine): ciò costituì forse il più grande limite della macchina, in quanto al vantaggio dell'uso di supporti economici si contrapponevano la lettura problematica, i tempi di caricamento molto lunghi (mediamente 5 minuti per un programma complesso) e la facile deteriorabilità dei supporti.

Altro punto debole dello Spectrum era il sonoro proveniente dall'altoparlante incorporato (un cicalino tipo quello del PC) ed in parte la grafica (a 256x196, 32 caratteri di 8x8 pixel per 24 righe, 8 colori e attributi bright e flash) priva degli sprites (c'era però la possibilità di creare dei caratteri grafici personalizzati). Una sua caratteristica particolare era la gestione dei colori; ognuno dei 768 quadratini che componevano lo schermo aveva il suo colore di sfondo (paper) e il suo colore di inchiostro (ink).

Inoltre, la mancanza di porte joystick (c'era solo una expansion port per collegare eventuali interfacce aggiuntive) lo rendeva meno appetibile come macchina da gioco. Nonostante ciò anche per lo Spectrum furono prodotte migliaia di giochi dalle tantissime software house che proliferavano ovunque e per anni ci furono "battaglie" fra i sostenitori dell'americano C64 e dell'inglese ZX Spectrum.

La porta di espansione poteva essere utilizzata anche per collegare una mini-stampante che utilizzava carta termica: la Sinclair ZX Printer o ancora dei supporti di memorizzazione di massa, i fallimentari Microdrive, dei microscopici nastri magnetici interamente gestiti dal computer che dovevano sostituire i costosi drive per dischi.

Furono prodotte varie versioni dello Spectrum: oltre alle prime a 16 e a 48 KByte, possiamo ricordare quella con una tastiera vera derivata da quella del Sinclair QL (Spectrum +) e le ultime, dopo l'acquisizione del progetto da parte dell'Amstrad con BASIC esteso, 128 KByte di RAM ed il registratore a cassette o il floppy incorporato (Spectrum +2 e Spectrum +3).

La dotazione iniziale comprendeva software per l'archiviazione, foglio elettronico, etc (Vu-File, Vu-Calc, Vu-3D, etc) e Basic.

La tastiera dai tasti gommosi, ognuno con quattro funzioni tra cui i comandi Basic scritti per esteso sul tasto e immissibili con una singola pressione del tasto stesso, contribuì alla divulgazione di questo semplice ma assai utile linguaggio di programmazione.

Tutto ciò, unito alle piccole dimensioni, alla velocità di calcolo e al prezzo relativamente basso lo rese popolare negli anni 80 in tutto il mondo, tanto che se ne ebbero versioni clonate e praticamente uguali in estetica ma con nomi diversi. L'Inves Spectrum in Spagna, il Moscow e poi il Baltic in Russia, per fare soltanto alcuni esempi.

Con la diffusione anche nelle famiglie di questo piccolo computer, nonché dell'acerrimo concorrente, il Commodore 64, iniziò anche la prassi di distribuire nelle edicole le riviste con in allegato i programmi già pronti all'uso, spesso frutto dell'ingegno dei lettori.

user posted imageuser posted image

.

user posted image--user posted image--user posted image

NEl 1982 Atari presentò la console Atari 5200. La console fu un grande successo per Atari infatti negli ultimi anni settanta e primi anni ottanta il nome Atari era sinonimo di console. L'Atari 2600 era usualmente in vendita con due joystick, un controller a tastiera e il corpo macchina ove si alloggiava la cartuccia con il gioco.

Intellivision

user posted image

Produttore Atari

Tipologia console a 8 bit

Generazione Prima del crash dell'82

Presentazione

alla stampa

In vendita 1982

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo Joypad

Servizi online

Unità vendute {{{unità}}}

Gioco più diffuso

Predecessore Atari 2600

Successore Atari 7800

user posted image

INTELVISION

user posted image

Produttore Mattel

Tipologia console a 16 bit

Generazione seconda generazione

Presentazione

alla stampa 1979

In vendita California 1979, USA 1980

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo joypad

Servizi online

Unità vendute {{{unità}}}

Gioco più diffuso Major League Baseball (1.085.700 unità vendute)

Predecessore nessuno

Successore nessuno

La progettazione dell'Intellivision iniziò dal 1978, ad opera di Mattel Electronics, il nome della sezione dell'azienda dedicata ai giochi elettronici. Una prima commercializzazione avvenne nel 1979, in California, con una disponibilità di quattro giochi, tutti prodotti dalla APH Technological Consulting. Nel 1980 fu estesa in tutto il territorio statuinitense ad un prezzo indicativo di 299$ ed un gioco incluso (Las Vegas Poker & Blackjack).

In quel periodo il settore del mercato era dominato da Atari, con la sua console Atari 2600 (o Atari VCS; 1979), altri sistemi da gioco erano prodotti da Fairchild Semiconductor, Bally e Magnavox. Intellivision riuscì a mettere seriamente in discussione il predominio assunto da Atari.

Venne prodotta una campagna pubblicitaria comparativa, con la partecipazione di George Plimpton, che attaccava senza riguardi le capacità dell'Atari 2600.

Prendendo in prestito la strategia dell'Atari la Mattel commercializzò la sua console attraverso svariati rivenditori e utilizzando diversi marchi, quali ad esempio Radio Shack Tandyvision, il GTE-Sylvania Intellivision e il Sears Super Video Arcade. Il modello per Sears fu in particolare un colpo vincente per Mattel, Sears vendeva infatti già console Atari rimarchiate, e questo aveva contribuito in modo massiccio al successo di Atari.

Nel suo primo anno di vita, furono venduti 175.000 esemplari di Intellivision e la sua collezione di videogiochi ammontava a 19 titoli. Fino a questo momento, i giochi sviluppati erano produzione da aziende terze come APH, in seguito la compagnia considerò molto più conveniente svilupparne in proprio, così dedicò molte delle proprie risorse nella produzione del software e formò una squadra di sviluppo.

Fu composta originalmente da cinque membri: Gabriel Baum, Don Daglow, Rick Levine, Mike Minkoff and John Sohl. Per proteggersi dalla rivale Atari, l'identità e il luogo di lavoro di Levine, Minkoff e gli altri programmatori vennero tenute segrete. Per parlare di loro, si usava il nome di Blue Sky Rangers.

Nel 1982 le vendite furono alte: oltre due milioni di console in un anno, portando profitti alla casa madre pari a 100.000.000$. Il crescente successo della Mattel richiamò l'attenzione di aziende che avevano già conseguito successi con l'Atari, come Activision, Coleco e Imagic. I principali titoli riuscivano a vendere anche in milioni di copie. Poi la Mattel introdusse una periferica innovativa, IntelliVoice, che permise di accompagnare certi giochi con una sintesi vocale. E il gruppo di sviluppo, che era composto da soli cinque componenti, raggiunse la dimensione di centodieci programmatori, ora guidati dal Vice Presidente Baum, mentre Daglow dirigeva lo sviluppo dell'Intellivision e Minkoff - un ingegnere ai vertici - dirigeva tutto il lavoro su tutte le altre piattaforme.

Ma molti utenti chiedevano a gran voce il rilascio del "Componente Tastiera", un accessorio da sempre proclamato da Mattel come "di prossima uscita". L'unità di base comprendeva un lettore di cassetta per caricare e salvare dati. La tastiera si sarebbe dovuta innestare sullo slot delle cartucce, e avrebbe avuto uno slot addizionale per consentire di utilizzare ugualmente i giochi Intellivision tradizionali. Questo accessorio si rivelò troppo costoso da progettare e distribuire, così Mattel rinunciò all'idea. La Mattel subì in séguito un'indagine da parte della Federal Trade Commission americana per non aver prodotto il componente promesso, con la minaccia di dover pagare 10.000 dollari al giorno fino al momento in cui l'avrebbe rilasciato. Alla fine Mattel mise la tastiera in vendita, esclusivamente per corrispondenza. Ne furono venduti 4000 esemplari, molti dei quali furono restituiti quando Mattel li ritirò dal mercato nel 1983.

La ragione del ritiro fu l'alto costo di produzione e di supporto, unita al fatto che l'allora innovativo lettore di cassette non si rivelò mai affidabile quanto richiedeva il pubblico. Mattel a questo punto istituì un gruppo interno di progettisti, con l'obiettivo di correggere o rimpiazzare il componente. La concorrenza propose un'alternativa più economica: l'ECS, o Entertainment Computer System (Sistema Computerizzato per l'Intrattenimento), molto più piccolo, lucido e facile da utilizzare del componente originale. Sfortunatamente, mentre il Keyboard Component originale aveva alcuni vantaggi rispetto ai computer di allora, la nuova versione era meno potente e dava meno possibilità, confrontata con le macchine allora emergenti, come il Commodore 64. Le due tastiere erano incompatibili, ma ai possessori dell'unità più vecchia venne offerto in cambio un ECS.

Mentre l'industria dei videogiochi cominciava già a barcollare sin dal momento in cui iniziava la progettazione del componente tastiera, alla macchina veniva assegnato il nome in codice LUCKI, da "Lucky", fortunato: "Low User Cost Keyboard Interface", o "Interfaccia per tastiera utente a basso costo".

Il 1983, oltre al lancio dell'ECS, vide anche l'introduzione del ridisegnato Intellivision II, con una nuova linea e controller staccabili, il System Changer, che permetteva di far funzionare giochi per l'Atari 2600, e una tastiera musicale opzionale per l'ECS. Ma nonostante il nuovo fiammante Hardware, l'Intellivision passò dei guai. I nuovi sistemi di gioco (ColecoVision [1982], Atari 5200 [1982], e Vectrex [1982]) rubavano quote di mercato alla Mattel, e il crollo dei videogames del 1983 mise l'intero settore sotto pressione. In Agosto alla Mattel ci fu una massiccia riduzione del personale, e il prezzo dell'Intellivision II (che era di 150 dollari, al momento del lancio, nello stesso anno), fu ribassato a 69 dollari. La Mattel Electronics accusò una perdita di 300 milioni di dollari. All'inizio dell'anno successivo, la divisione videogiochi venne chiusa - la prima vittima eccellente del "crash".

Sorprendentemente il sistema risorse dalle proprie rovine e continuò a vivere fino al 1991. Un gruppo di dirigenti capitanato da Terry Valeski acquistò, col supporto finanziario della Tangible Ventures, appartenente alla RevCo Drugstores, tutti i diritti dell'Intellivision e del suo software, incluse le rimanenze di magazzino. La nuova azienda si chiamò dapprima Intellivision inc. e poi INTV Corporation, allorché Valeski acquistò dalla RevCo i diritti e continuò a vendere i vecchi componenti al dettaglio e per posta. Quando la scorta di Intellivision II terminò, essa introdusse una nuova console battezzata INTV System III. Questa unità non era altro che una rivisitazione estetica dell'Intellivision originale. In séguito, fu ulteriormente rinominata Super Pro System. Oltre a produrre nuove console, la INTV introdusse sul mercato i giochi completati dalla Mattel, ma mai commercializzati. Il successo riscosso da questi indusse INTV a terminare lo sviluppo dei giochi che non erano stati terminati prima della chiusura di Mattel Electronics, rilasciando qualche titolo all'anno. Le vendite di queste cartucce si attestavano sui 10 - 20.000 esemplari, ma dato che la INTV era un'azienda con poche spese, l'impresa portava ancora margini. Nel 1987, le vendite si alzarono, data la difficoltà di trovare sugli scaffali dei negozi la nuova console Nintendo NES, ma fu solo un fuoco di paglia. L'unico videogioco integralmente sviluppato da INTV fu SuperPro Volleyball. Alla fine il sistema morì, e la INTV chiuse i battenti nel 1991. Le cartucce rimaste in inventario continuano ad essere vendute tramite Telegames (ordine postale) e Radio Shack (su catalogo).

Il sistema risorse nuovamente quando Keith Robinson, uno dei primi programmatori Intellivision, responsabile del gioco TRON Solar Sailer, ne acquistò i diritti sul software e fondò una nuova azienda, la Intellivision Productions, nel 1997. Come risultato, giochi progettati in origine per l'Intellivision furono resi disponibili per le console dei tempi odierni, come PlayStation 2, Xbox e Nintendo GameCube, nella confezione Intellivision Lives, oltre che per PC e MAC ("Intellivision Rocks") .

user posted image

user posted imageuser posted image--user posted image--user posted image

Statistiche

* Più di 3 milioni di Intellivision furono venduti durante la sua esistenza di 12 anni.

* Ci fu un totale di 125 giochi Intellivisioni.

Innovazioni

* Intellivision fu la prima console a 16-bit, anche se alcune persone si riferiscono erroneamente ad essa come a un sistema a 10 bit, dato che il set di istruzioni della CPU e delle cartucce era a 10 bit, un insieme di 10 bit di dati è definito "decle". I registri del microprocessore, luogo in cui si svolgono le operazioni logiche, erano estese 16 bit.

* L'Intellivision fu anche il primo sistema a permettere lo scaricamento di giochi (ma non essendo memorizzabili svanivano con lo spegnimento della consolle), ciò avvenne nel 1981, quando la General Instrument (già produttrice della CPU dell'Intellivision) in collaborazione con la Mattel produsse un dispositivo chiamato Play Cable, permettendo il reperimento dei videogiochi attraverso la TV via cavo.

* Il controller a disco influenzò notevolmente il disegno dell'interfaccia dell'iPod della Apple.

* "Intellivision World Series Baseball", scritto da Don Daglow e Eddie Dombrower e rilasciato nel 1983, fu il primo videogioco ad utilizzare il concetto di visualizzazione 3D simulata, utilizzano le inquadrature a grandangolo della televisione sportiva. I giochi precedenti visualizzavano sempre un'inquadratura fissa o a scorrimento. Daglow e Dombrower proseguirono la loro opera con la creazione del titolo "Earl Weaver Baseball", presso la Electronic Arts, nel1987.

* Uno degli slogan pubblicitari dell'Intellivision asseriva che esso fosse "la cosa più vicina alla realtà"; un esempio di questo tipo di messaggi comparava giochi di golf: gli altri emettevano "bip" ed avevano una grafica scarna, mentre l'Intellivision offriva un suono realistico dello swing, e una grafica dall'aspetto molto più 3D, anche se ancora rozza rispetto a quella delle console odierne.

Specifiche tecniche

* CPU con microprocessore CP1610 a 16-bit della General Instrument, funzionante a 894.886 kHz (poco meno di 1 MHz)

* 1352 byte di RAM:

o 240 × 8-bit di memoria Scratchpad

o 352 × 16-bit (704 bytes) Memoria di sistema

o 512 × 8-bit di RAM per la grafica

* 7168 bytes of ROM:

o 4096 × 10-bit (5120 bytes) ROM di sistema

o 2048 × 8-bit ROM di grafica

* risoluzione di 192 pixel per 160 (un pixel Intellivision corrispondeva a 5×4 pixel della TV)

* Standard Television Interface Chip (STIC): GI AY-3- 8900-1

* palette di 16 colori, tutti utilizzabili contemporaneamente su schermo

* 8 sprite di dimensione 8×8 o 8×16 bit.

o Potevano essere ridimensionati in orizzontale di 2 volte, e in verticale di 2,4 o 8 volte)

o Potevano essere riflessi orizzontalmente o verticalmente

* chip GI AY-3-8914 - 3 canali audio, con un generatore di rumore casuale.

NINTENDO NASCITA DI UN MITO

user posted image

Nintendo Corporation, Limited (in giapponese: 任天堂, "la fortuna che viene dal cielo") è una nota azienda giapponese sviluppatrice di videogiochi e console, fondata nel 1889 da Fusajiro Yamauchi è passata dai giochi di carte e meccanici ai giochi elettronici all'inizio degli anni '80.

Oggi Nintendo è considerata una tra le maggiori produttrici di console, e dominante nel campo delle console portatili. Entrò nel mondo dei videogiochi come distributore della console Magnavox Odyssey nel 1975 e, nel 1977, cominciò a costruire delle console proprie. Grazie all'enorme successo riscontrato in Giappone, nel 1985 Nintendo arrivò nel Nord America e nel 1986 in Europa. Nell'arco della sua storia, Nintendo ha prodotto 5 console da tavolo - il Famicom/NES, il Super Famicom/SNES, il Nintendo64, il GameCube e infine il Wii che ha esordito in tutto il mondo tra il 19 novembre e l'8 dicembre 2006. Inoltre ha prodotto molte console portatili, tra cui sette versioni del Game Boy, il Virtual Boy, i Game & Watch, i Pokémon Mini e due versioni del Nintendo DS.

Nintendo ha pubblicato oltre 250 giochi per le sue console (e 2 giochi per l'Atari 2600), sviluppandone direttamente almeno 180 di essi. Nintendo ha venduto oltre 2 miliardi di giochi in tutto il mondo.

La mascotte di Nintendo è Mario, personaggio originariamente creato per l'arcade Donkey Kong da Shigeru Miyamoto. Mario e`uno dei personaggi di videogiochi piu` famosi e piu`conosciuto al mondo.

user posted image

Produttore Nintendo

Tipologia Console a 8 bit

Generazione terza generazione

Presentazione

alla stampa 1982

In vendita 15 luglio 1983 in Giappone, 1985 resto del mondo

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo joypad a due pulsanti e croce direzionale

Servizi online modem per la connessione alle BBS (solo Giappone)

Unità vendute 60 milioni

Gioco più diffuso Super Mario Bros.

Predecessore serie dei Color TV Game

Successore Super Nintendo Entertainment System

Accessori

* Pistola Zapper (grigia o arancione)

* Controller da sala giochi (stile arcade)

* Robot R.O.B. contro cui giocare (solo a determinati giochi)

* Controller da polso

* Pedana (per giochi appositi)

* Controller alternativo (più ergonomico)

* Quadrupla entrata per joypad

* NES Cleaning Kit

Caratteristiche tecniche

CPU: 6508 (8-bit, basato su un Motorola 6502)

Velocità CPU: 1.79Mhz

Memoria RAM: 16Kbit (2 kbyte)

Video RAM: 16Kbit (2 kbyte)

Bit CPU: 8bit

RISOLUZIONE VIDEO:

da 256x224 (ntsc) a 256x239 pixel (pal)

TOTALE COLORI DISPONIBILI: 52 colori

COLORI CONTEMPORANEI: 16, 24 o 25 colori

MASSIMA DIMENSIONE SPRITE: 8x8 o 8x16 pixel

MASSIMO NUMERO DI SPRITE: 64

MASSIMO NUMERO DI SPRITE PER RIGA: 8

SCROLLING IMMAGINI: 2 h.v.

SPAZIO SULLE CARTUCCE: da 192Kbit a 4Mbit

AUDIO: PSG sound, 5 canali, 2 square wave, 1 triangle wave, 1 noise e 1 PCM

user posted image

Il Famicom Disk System era una periferica disponibile solo per la Famicom giapponese, che leggeva "Disk Cards", simili ai floppy da 3,5"

Il Nintendo Entertainment System (NES) è una console per videogiochi ad 8 bit prodotta da Nintendo. In Giappone è conosciuta con il nome Famicom, abbreviazione di Family Computer.

I giochi che fecero la fortuna di questo sistema di videogioco casalingo furono in particolare Super Mario Bros., 2, 3 (Super Mario Bros. 3 è tuttora uno dei giochi più venduti di tutti i tempi), Zelda 1 e 2, Metroid, Excitebike.

Nintendo cessò la produzione di questa console nel 1994, lasciando spazio alla sorella maggiore a 16 bit: il Super Nintendo Entertainment System (Super NES in U.S.A. , Super Famicom in Giappone). L'ultimo gioco uscito per NES fu Wario's Woods.

Il NES fu la prima console a colmare il vuoto creatosi nel mondo dei videogiochi dopo la crisi del 1983,

Il controller era un congegno orizzontale di plastica, che poggiava sul palmo della mano. Una pulsantiera direzionale a croce. Due piccoli pulsanti rotondi per il pollice. Due pulsanti gemelli, 'Start' e 'Select'. Erano inoltre disponibili vari accessori, come la NES Zapper, il Nintendo Four Score, il Nintendo Max e lo storico controller di Arkanoid.

user posted image

Nel 1986 la Sharp (su licenza Nintendo) produsse il Twin Famicom, una unità Famicom + FDS integrata. dal design eccezionale e disponibile in due colori (rosso e nero): una vera chicca per collezionisti!

user posted image

Nei primi tre mesi di vita furono venduti ben 500.000 FDS, cifra che raggiunse i 4 milioni e mezzo nel 1990. In quegli anni però le prime cartucce da 128K (come Ghosts 'n Goblins), titoli con batteria tampone per i salvataggi ed il progressivo calo dei costi dei supporti "tradizionali" iniziarono a decretare il declino del progetto FDS. Ma il vero motivo della fine del FDS fu il dilagante fenomeno della pirateria: copie illegali da Hong Kong e Korea venivano vendute a cifre irrisorie, e Nintendo si vide costretta a produrre i propri titoli di punta solo su cartuccia. Terze parti cominciarono persino a produrre adattatori per permettere al FDS di leggere i comuni floppy-disk da 3.5 pollici.

Tutt'ora nei mercatini delle pulci per le strade di Hong Kong è possibile scovare pile di Disk Cards di colore bianco a pochi centesimi...

Questa console dominera' per molti anni a venire garantendo alla nentendo la sigla di regi bit era iniziatana delle console, il divario fra il computer e la console finalmente era netto, l'era dell' 8 bit era iniziata.

SEGA MASTER SYSTEM

Produttore SEGA

Tipologia console

Generazione Era 8-bit

Presentazione

alla stampa

In vendita 20 ottobre, 1985 (Giappone)

giugno, 1986 (USA).

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo Joypad

Servizi online non disponibile

Unità vendute 13 milioni

Gioco più diffuso Alex Kidd (precisamente: Alex Kidd in Miracle World)

Predecessore Sega SG-1000

Successore Sega Mega Drive

* CPU: 8-bit 3.579545 MHz ZiLOG Z80

* Grafica: VDP (Video Display Processor) derivata dal Texas Instruments TMS9918

* Fino a 32 colori simultanei da una paletta di 64 (che potevano essere visualizzati contemporaneamente con un trucco software)

* Risoluzione dello schermo 256x192 e 256x224

* 8x8 or 8x16 pixel sprites, massimo 64

* Scrolling orizzontale, diagonale, verticale, e misto

** Suono (PSG): Texas Instruments SN76489

* 4 canali mono

* 3 generatori di suoni, 4 ottave, 1 generatore di rumore bianco

* Suono (FM): Yamaha YM2413]

* 9 canali mono FM

* ROM: 64 kbit (8 kB)

* RAM: 64 kbit (8 kB)

* Video RAM: 128 kbit (16 kB)

* Game Card slot

By Wikipedia

Nel 1984 la multi-miliardaria associazione commerciale CSK Corp, fondata da Isao Okawa, acquista Sega e la divisione giapponese viene rinominata in Sega Enterprises Ltd, creando così un’azienda completamente nipponica. Okawa diventa Presidente della nuova società mentre Nakayama ricopre il ruolo di vice-Presidente e Chief Excutive.

I nuovi investitori iniziano ad adottare alcuni cambiamenti all’interno dell’assetto societario creando basi molto importanti per il futuro di Sega. E’ il periodo in cui vengono assunti Yu Suzuki (1983) e Yuji Naka (1985).

Nel 1986 le azioni di “Sega Enterprise Ltd” vengono listate nel Tokyo Stock Exchange. In aggiunta “Sega of America” adotta nuove misure ed introduce nuovi prodotti videoludici in un mercato in forte espansione. Successivamente gli viene consentito di sviluppare software specifici per il mercato americano. Viene rilasciato il primo titolo di Alex Kidd che sarà la loro mascotte per i prossimi 5 anni.

Verso la fine degli anni ‘80, Sega introduce con successo una linea di prodotti videoludici (Master System e Mega Drive) che abbinati ad ottimi titoli software la porta ad essere il secondo produttore a livello mondiale. Nel 1990 le proprie azione vengono scambiate sul NASDAQ.

Il Sega Master System (comunemente Master System o abbreviato SMS), è una consolle per videogiochi a 8 bit basata su cartucce prodotta da SEGA. É la versione internazionale della consolle giapponese SG-1000 Mark III. La consolle rese la SEGA il principale competitore della Nintendo nel mercato giapponese e mondiale. Il Master System venne lanciato in diretta concorrenza del Nintendo Entertainment System. La consolle non è riuscita a spodestare il competitore ma comunque ha goduto di un buon successo commerciale che si è protratto in mercati secondari come quello del Brasile.

user posted image

user posted image

Atari 7800

Produttore Atari

Tipologia console a 8 bit

Generazione Era 8 bit

Presentazione

alla stampa

In vendita Giugno 1984

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo Joypad

Servizi online

Unità vendute {{{unità}}}

Gioco più diffuso

Predecessore Atari 5200

Successore Atari Jaguarè

L'Atari 7800 è una console prodotta da Atari. La 7800 fu progettata per sostituire la console Atari 5200, che con il suo scarso successo aveva minato la supremazia Atari nel settore delle console. La console era dotata di un semplice joystick digitale e era retrocompatibile con la console Atari 2600. Un altro suo punto di forza era il suo basso prezzo, la console al momento del lancio costava $140.

user posted image

user posted image--user posted image

GAME BOY

user posted image

è una console portatile di Nintendo progettata dal team interno R&D#1 capeggiato da Gunpei Yokoi. È stato commercializzato in Giappone il 21 Aprile 1989, e negli Stati Uniti in Agosto. È la prima console portatile di Nintendo, che già si era distinta negli anni '80 nella produzione dei giochi elettronici portatili Game & Watch.

Produttore Nintendo

Tipologia console portatile

Generazione terza generazione

Presentazione

alla stampa 1988

In vendita 12 aprile 1989

Supporto di

memorizzazione Cartuccie GB

Dispositivi

di controllo integrato: croce, due pulsanti azione, select, start

Servizi online non presente

Unità vendute 69 milioni

Gioco più diffuso Tetris, Super Mario Land 2, Pokémon Rosso e Blu

Predecessore nessuno

Successore Game Boy Color

Z80 della Sharp personalizzato per le esigenze di gioco, alimentato a batterie stilo, è dotato di un piccolo schermo LCD integrato capace di varie tonalità di grigio su fondo verde. Il quadro comandi consiste di una croce direzionale di colore nero posizionata sulla sinistra della consolle, di due pulsanti rossi sulla destra e dei tasti select e start in basso al centro. I giochi di tale consolle sono venduti su cartucce di dimensioni contenute, adatte ad un facile trasporto. Di questi, Tetris è stato il gioco che ha inizialmente spinto le vendite del portatile di Nintendo rendendolo popolare in tutto il mondo.

[modifica]

Specifiche Tecniche

* CPU: Custom 8-bit Sharp Z80 a 4.194304 MHz (differente dallo standard Z80, e ha il suono integrato)

* RAM: 8 kByte S-RAM interna

* ROM: cartucce da 256 kbit, 512 kbit, 1 Mbit, 2 Mbit and 4 Mbit and 8 Mbit

* Video RAM: 8 kByte interna

* Suono: 4 canali stereo. L'unità ha un solo speaker, ma l'uscita audio per le cuffie è stereo

* Display: LCD da 160 x 144 pixel

* Schermo: 66 mm diagonale

* Colore: 4 gradi di "grigio" (verde-nero)

* Comunicazione: fino a 4 Game Boy collegabili via cavo

* Batterie: 4 batterie tipo AA per circa 35 ore di gioco

Cartucce

Tipica cartuccia del Game Boy

Ingrandisci

Tipica cartuccia del Game Boy

Ogni gioco è scritto su ROM contenute in piccole scatole di plastica grigia chiamate cartucce, aventi su una fessura una porta hardware per la connessione con la consolle. Le cartucce del Game Boy misurano 5.8 cm per 6.5 cm. Se è presente una batteria tampone le partite possono essere salvate, così da essere riprese in un secondo tempo dopo lo spegnimento della consolle.

La cartuccia viene infilata dall'alto nell'apposito alloggio. Se viene estratta durante il gioco il Game Boy si blocca, il suono si ferma e l'immagine si corrompe. Questa procedura in alcuni casi può compromettere la cartuccia stessa e/o rovinare i salvataggi di gioco, e per questo la levetta di accensione del Game Boy è dotata di un blocco che non permette di sfilare la cartuccia quando l'unità è accesa.

Commodore64

Il Commodore 64 (C64, CBM 64, 64) era un home computer molto popolare negli anni ottanta. Il nome adottato dalla casa costruttrice, la Commodore Business Machine fu inizialmente Vic-30, ma prima della distribuzione venne cambiato in Commodore 64.

Risulta essere il modello di computer più venduto al mondo, record che si trova anche nel Guinness dei primati: nel 1986 furono venduti più di 10 milioni di esemplari in tutto il mondo. Fu commercializzato fino al 1993, quando le unità vendute furono appena 700 mila.

La semplicità d'uso e facilità di programmazione di questo nuovo computer era superiore sia ai suoi precedessori (il PET e il VIC-20) sia agli altri home computer concorrenti. Grazie a ciò e al suo prezzo di vendita, in breve tempo divenne il computer più venduto nella storia dell'informatica.

Il Commodore 64 venne inizialmente costruito usando lo stesso case del Vic-20 per mantenere bassi i costi di produzione. Dopo alcuni anni, la Commodore cambiò leggermente l'estetica del computer assieme ad altri cambiamenti minori, ribattezzandolo 64C.

Il Commodore 64 usava il microprocessore 6510, con 64 KByte di RAM e 20 KByte di ROM con il KERNAL (acronimo, o più probabilmente acrostico, da Keyboard Entry Read, Network, And Link) e il CBM BASIC versione 2.0: audio e video erano gestiti da due chip separati. Poiché il processore 6510 poteva indirizzare solo 64 Kbyte di memoria in tutto, 20 Kbyte della RAM erano nascosti dalla ROM. Un registro permetteva di mappare in memoria la RAM nascosta escludendo la ROM, cosa molto utile nei programmi assembly che non avevano bisogno dell'interprete BASIC. Il progetto hardware originale del Commodore 64 fu opera di un gruppo di circa dodici ingegneri i quali, successivamente, lasciarono la Commodore.

Il microprocessore

Il microprocessore utilizzato era il MOS Technology 6510, una versione modificata del 6502 con alcuni segnali hardware aggiuntivi per il registratore a cassette, che veniva gestito direttamente dal microprocessore. La frequenza di clock era pari a 0.9875 MHz. Le istruzioni più semplici prendevano almeno 2 cicli di clock, quelle più complicate 5. Quindi il Commodore 64 aveva una potenza di calcolo di una piccola frazione di MIPS. Poteva però delegare molti compiti ai due chip aggiuntivi descritti di seguito (più il CIA, Complex Interface Adapter = Adattatore di interfaccia complessa). Questa caratteristica, cioè l'architettura a coprocessori, costituì la base sulla quale venne in seguito sviluppato il primo computer Amiga dalla Hi-Toro, il quale venne poi commercializzato ed ulteriormente sviluppato dalla Commodore e spopolò negli anni '80 e nei primi anni '90 con i successivi modelli.

Esistevano anche delle schede aggiuntive Z-80, che consentivano di utilizzare lo Zilog Z80 (evoluzione dell'Intel 8080A) sul Commodore 64. Una di queste era la cartuccia CP/M Z80 della Commodore che permetteva di utilizzare il suddetto OS (versione 2.2) tramite una combinazione di emulazione Hardware/Software.

LA NASCITA DELLA GENERAZIONE 16 BIT

SEGA MEGA DRIVE

user posted image

Produttore SEGA

Tipologia console

Generazione quarta (16-bit)

Presentazione

alla stampa

In vendita 29 ottobre 1988

Supporto di

memorizzazione cartuccia

Dispositivi

di controllo Joypad

Servizi online non presente

Unità vendute 35 milioni

Gioco più diffuso Sonic the Hedgehog 2

Predecessore Sega Master System

Successore Sega Saturn

Sega Mega Drive è il nome di una console 16 bit rilasciata da SEGA in Giappone (1988), Europa (1990) e negli Stati Uniti (1989 con il nome di Sega Genesis). La console, venduta al lancio in abbinamento con il titolo Altered Beast, attirò subito l'attenzione degli appassionati per la sua velocità e le alte capacità grafiche.

Quando uscì il Super Nintendo, circa un anno dopo, il Megadrive iniziò un lento declino di popolarità, pur mantenendo una solida base di utenti in alcuni paesi. Infatti, nonostante il Super Nintendo avesse indiscutibilmente un hardware migliore, il parco giochi del Megadrive era molto vasto e di ottima qualità.

In seguito il Megadrive divenne il primo sistema dotato di lettore CD-Rom esterno (Mega CD) che aggiungeva non solo una maggior capacità di memorizzazione ma anche potenza di calcolo al sistema, permettendo di avere velocità maggiori, grafica più accurata e, naturalmente, colonne sonore di qualità CD. Al dicembre 1995 erano state vendute negli Stati Uniti circa 16 milioni di unità a coronamento di uno dei prodotti di maggior successo di casa Sega.

user posted image

Era il 1989. Il Nintendo Entertainment System regnava incontrastato nel mercato dei videogiochi da più di 5 anni ed era venuto il momento di trovare un successore. Il Sega Master System, sebbene graficamente superiore al NES, non aveva lasciato un'impronta determinante nel mercato americano (in Europa aveva invece ottenuto una grande popolarità) e da questo parziale insuccesso la Sega aveva capito che la nuova macchina doveva essere tecnicamente superiore a tutte le altre ma soprattutto supportata da una folta schiera di sviluppatori esterni che contribuissero ad arricchire la libreria di giochi (proprio la mancanza di supporto di terze parti fu infatti considerata la principale causa del modesto successo del Master System). Dopo due anni di sviluppo e ricerca, verso la fine del 1989, la SEGA presentò al mondo il sistema di nuova generazione - denominato Genesis negli USA e Megadrive in Europa e in Giappone - con una campagna di marketing piuttosto aggressiva.

Il TurboGrafx-16 della NEC lo aveva preceduto sul mercato di circa 4 mesi ma il Megadrive recuperò ben presto il terreno perduto, grazie a un buon numero di conversioni arcade di ottima fattura, simulazioni sportive eccellenti e al pieno supporto di Trip Hawkins e della Electronic Arts. Nonostante che il kit fornito dalla Sega agli sviluppatori fosse piuttosto costoso e complesso, alla fine del 1990 c'erano più di 30 produttori di terze parti che programmavano giochi per il nuovo sistema, con vantaggio evidente sulle sole 4 case di sviluppo per il TG16.

Dal 1990 fino alla fine del 1991, il Megadrive fu praticamente l'unica console sul mercato dei videogiochi. Il TG16, seppur dotato di ottimi giochi, non aveva speranza di raggiungere la diffusione della macchina della SEGA e la presentazione del Super NES della Nintendo era stata più volte rinviata (uno dei motivi di questi ritardi era che gli sviluppatori stavano producendo ancora giochi per il NES e la Nintendo non voleva rischiare di veder migrare le software house affiliate verso la piattaforma Megadrive in attesa che la nuova macchina avesse una solida base di utenti).

Quando lo SNES fu introdotto sul mercato nel settembre 1991, la SEGA, rendendosi conto che la prima minaccia sul mercato dei 16-bit si era materializzata, spese un considerevole ammontare di denaro in una campagna pubblicitaria volta a sottolineare il catalogo giochi superiore e mostrare immagini del Sega-CD, l'evoluzione del Megadrive. Il periodo di sviluppo del Sega-CD fu molto lungo e la macchina avrebbe visto la luce solo due anni più tardi, tuttavia questa strategia di marketing fu ingegnosa. Le vendite di consoles Megadrive e relativi giochi, infatti, calarono solo lievemente nella stagione natalizia del 1991.

Il 1992 fu un anno turbolento per i sistemi a 16-bit. All'inizio dell'anno la NEC annunciò che la distribuzione del TG16 sarebbe stata curata da una nuova società, la TTI (Turbo Technologies Inc.), costituita da alcuni dirigenti di NEC e Hudson Soft. Nel frattempo Sega e Nintendo si contendevano il controllo del mercato dei videogiochi. La grafica dello SNES era notevolmente superiore a quella della macchina di casa Sega ma molti ne criticavano la bassa velocità di elaborazione (si sosteneva che il processore girasse alla metà della velocità della CPU a 7Mhz del Megadrive). La Sega sfruttò questa superiorità con intelligenza e nell'estate del 1991, svelò il suo progetto segreto: Sonic the Hedgehog, un platform game dalla grafica straordinaria che avrebbe ben presto guadagnato il titolo di gioco più veloce della storia dei videogames.

L'arrivo di Sonic fu un brutto colpo per la Nintendo: il gioco fu la prova che il Megadrive non era così primitivo come la Nintendo voleva far credere a tutti. Fu il primo videogioco che ruppe gli schemi del platform, grazie ad una grafica molto colorata, ma soprattutto alla sua velocità, impressionante per l'epoca. Il nuovo software per lo SNES faticava ad arrivare, mentre la cospicua produzione degli sviluppatori che lavoravano ai giochi per Megadrive consentì alla macchina di arrivare fino alla fine dell'anno senza grosse crisi, nonostante che l'attesissimo Sega-CD tardasse a materializzarsi.

Il 1993 fu il primo anno in cui la superiorità Sega iniziò a vacillare. Il gruppo di sviluppatori dei giochi SNES era cresciuto, sfornava programmi a ritmo elevato e alcuni giochi veramente belli erano comparsi nei negozi. La Sega presentò il Sega-CD a novembre (ma gli appassionati avevano già iniziato a comprarlo di importazione dal Giappone un anno prima) ma nonostante la campagna pubblicitaria che da due anni insisteva sul prodotto, la macchina vendette poco, in parte a causa del prezzo inizialmente molto alto (200 dollari) in parte perché i giochi disponibili furono pochi (poco più di 100 titoli) e abbastanza deludenti: al di là di qualche bel titolo, la gran parte dei giochi erano trasposizioni delle versioni su cartuccia con in più la colonna sonora di qualità CD. Il sistema ricevette dalla stampa del settore critiche accanite. Con il solo Sega-CD a tenere il mercato nella stagione natalizia, la Nintendo divenne leader delle vendite alla fine dell'anno.

Il 1994 fu l'anno in cui videro la luce i primi sistemi a 32-bit. Trip Hawkins aveva abbandonato la Electronic Arts a metà 1993 per costituire la 3DO e l'anno successivo fu presentato il 3DO Interactive Multiplayer. Sebbene incredibilmente meno capace rispetto ai successivi sistemi a 32-bit (Playstation & Saturn), il 3DO fece intravedere quale sarebbe stato il futuro dei videogiochi alla fine dell'era dei 16-bit e sia la Sega che la Nintendo videro in questa macchina una seria minaccia alla loro supremazia nel mercato dei videogiochi. Nonostante che la Sega Japan stesse sviluppando il successore del Megadrive (il Saturn) già da vari mesi, la Sega America lanciò in novembre il 32X, un'espansione che avrebbe trasformato il Megadrive in un sistema a 32-bit. L'idea era che potesse coesistere col Saturn, la cui uscita era prevista un anno dopo quella del 32X. Invece la Sega America iniziò la distribuzione del Saturn a maggio del 1995 appena 6 mesi dopo il lancio del 32X. Praticamente la SEGA si faceva concorrenza da sola. Il 32x in effetti doveva essere destinato a coloro che non volevano spendere i 400 dollari per il Saturn. Sotto questo punto di vista il 32X poteva essere una buona idea, solo che la Sega doveva commercializzarlo almeno 1 anno prima di quanto fece, per distanziarsi dall'uscita della console a 32-bit. Con il 32X ci fu il definitivo declino del Megadrive (che già aveva iniziato a barcollare col Sega-CD) poiché l'espansione pur essendo più economica di una nuova console era terribilmente cara e i giochi erano poco allettanti e sicuramente al di sotto degli standard stabiliti dal 3DO. Il 32X costò alla società una grossa perdita in credibilità.

Alla fine del 1994, la Nintendo lanciò Donkey Kong Country, pubblicizzandolo come un gioco che sfruttava completamente la grafica e la velocità dei 32-bit senza necessità di alcuna espansione. Il gioco provò che lo SNES fosse il più potente sistema a 16-bit sul mercato e che avesse caratteristiche che potevano tranquillamente essere accostate ai 32-bit "veri" (3DO, CD-I) e ai 64-bit (Jaguar). La SEGA non si riprese dal fiasco del 32X e molti ritengono che anche le vendite insoddisfacenti del Saturn siano state influenzate da tale insuccesso. Sperando di far sopravvivere l'interesse nella piattaforma Megadrive, la SEGA introdusse il Nomad, un portatile con display LCD a colori, a 179 dollari, ma l'alto prezzo ne impedì la diffusione.

Malgrado tutto, il Mega Drive rimase una delle console più vendute del mondo, con milioni di clienti, i giochi continuarono ad essere prodotti addirittura fino al 1998, periodo in cui erano gia pesantemente affermate le console a 32-bit. Dal 1994 al 1997 il mercato dei videogiochi si spostò gradualmente dai 16-bit ai 32-bit e perfino ai sistemi a 64-bit di prima generazione. Il 3DO, il CD-I e il Jaguar uscirono di scena già nel 1995 in conseguenza delle forti vendite di consoles Playstation e Saturn (nel solo Giappone). Il 1997 fu l'ultimo anno di produzione del Sega Megadrive.

Nel 2004, la Sega è ritornata a produrre in serie limitata questa console, sotto il marchio Sega Toys. Il nuovo modello, denominato Megadrive PlayTV, è formato da un'unità plug and play (collegabile direttamente a un televisore), simile nella forma al joystick del Megadrive originale. Al suo interno sono ospitati sei giochi precaricati, fra cui Sonic.

SUPER NES

Produttore Nintendo

Tipologia console

Generazione quarta generazione (16-bit)

Presentazione

alla stampa 1989

In vendita 21 novembre 1990

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo Joypad

Servizi online connessione satellitare Satellaview (solo Giappone); modem per connessione a ricevitorie di corse di cavalli (solo Giappone)

Unità vendute 49 milioni

Gioco più diffuso Super Mario World

Predecessore Nintendo Entertainment System

Successore Nintendo 64

user posted image

Specifiche Tecniche [modifica]

CPU: 65c816 (16-bit)

Velocità CPU: 2.68 e 3.58Mhz

Memoria RAM: 1Mbit (128 Kbyte)

Video RAM: 0.5Mbit (64 Kbyte)

Bit CPU: 16bit

RISOLUZIONE VIDEO:

da 256x224 a 512x448 pixel max ad alta risoluzione e in modalità "interallacciata"

TOTALE COLORI DISPONIBILI: 32.768 colori

COLORI CONTEMPORANEI: 256 colori

MASSIMA DIMENSIONE SPRITE: 64x64 pixel

MASSIMO NUMERO DI SPRITE: 128

SPAZIO SULLE CARTUCCE: da 2Mbit a 48Mbit

SCHEDA AUDIO: 8-bit Sony SPC700

CANALI: 8 (con file audio wave compressi)

Accessori

* Nintendo Scope (bazooka grigio e bianco con mirino)

* Controller avanzato (stile salagiochi)

* Joypad avanzato (ergonomico e con funzionalità aggiuntive)

* Convertitore per leggere cartucce NES

* Duel Player (joypad avanzato senza filo)

* Mouse (due bottoni)

* ...

Nel 1997, dopo che nei negozi era già arrivata la macchina della generazione successiva, il Nintendo 64, la Nintendo ha commercializzato una versione aggiornata dello SNES modificata solo esteriormente ma perfettamente compatibile con la libreria giochi esistente. Gli switch a slitta di accensione e reset del primo modello sono stati sostituiti con pulsanti più affidabili e spostati sulla sinistra, le cartucce possono essere estratte manualmente senza l'uso del pulsante Eject, l'architettura interna è stata rivista con l'impiego di componenti più recenti che, pur non migliorando la performance del sistema, hanno permesso al produttore di risparmiare notevolmente sui costi; tale risparmio si è tradotto in un abbassamento del prezzo di vendita.

Il Super Nintendo Entertainment System fu forse la migliore console a 16bit (negli anni in cui è uscita), un degno successore insomma del Nintendo NES (8bit). Con grandi potenzialità, tanti colori in più e titoli davvero notevoli Nintendo riesce per la seconda volta ad imporre il proprio marchio sul mercato internazionale. Tra le miriadi di giochi usciti (principalmente in Giappone) ricordiamo i più famosi e apprezzati: International Super Star Soccer Deluxe, Mortal Kombat, i vari Donkey Kong, i vari Street Fighter, i vari Super Mario (ecc.).

user posted image--user posted image

user posted image

[center[GAME GEAR[/center]

Produttore SEGA

Tipologia console portatile

Generazione

Presentazione

alla stampa

In vendita 6 ottobre 1990

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo integrato

Servizi online

Unità vendute 8 milioni

Gioco più diffuso Columns

Predecessore nessuno

Successore Nomad

user posted image

Caratteristiche tecniche [modifica]

CPU: Zilog Z80 (8-bit a 3.6 MHz)

CPU video: custom TMS9918 (8-bit)

RAM: 8 KByte

RAM video: 16 KByte

Risoluzione video: 160x146 (3,2") a 32 colori scelti tra 4096 disponibili

Audio: 3 canali tonali + 1 canale rumore bianco

Interuttore On/Off

Presa Alimentatore Min 9V /12V 750mah / 1A

Slot per Cartucce Proprietarie

Porta di Espansione

Jack Cuffia 3,5""

Rotella regolazione Volume

Il Game Gear è una consolle portatile prodotta da SEGA e originariamente conosciuta come "Project Mercury". Fu commercializzata in Giappone il 6 Ottobre 1990, in Nord America ed Europa nel 1991 e in Australia nel 1992. La consolle dal punto di vista hardware era un Master System portatile, ed era possibile giocare ai videogiochi di quella consolle tramite un convertitore ufficiale.

Molti pensano che il Game Gear non abbia avuto un grande successo commerciale per via della scarsa autonomia dovuta all'alto consumo di energia dello schermo, un LCD a matrice passiva retroilluminato e capace di grande brillantezza. Il Game Gear era dotato anche dell'accessorio venduto a parte Tv Tuner, che lo trasformava in una televisione portatile da 3" con ingressi audio e video e sintonizzatore analogico.

Nonostante la buona qualita' non ebbe il successo che avrebbe meritato.

NEO GEO

Produttore SNK

Tipologia console

Generazione Era 16-bit

Presentazione

alla stampa

In vendita 1990

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo joystick, joypad

Servizi online non disponibile

Unità vendute {{{unità}}}

Gioco più diffuso La tiratura dei giochi NeoGeo è sconosciuta

Predecessore nessuno

Successore nessuno

user posted image

user posted image

user posted image

1989 come scheda arcade, e viene messa in commercio nel 1990 accompagnata al lancio da Nam-1975, Magician Lord, Baseball Stars Professional e Top Player's Golf. Il successo del sistema fu immediato, oltre che sulla qualità dei giochi il NeoGeo MVS poteva contare su un prezzo inferiore rispetto alle altre schede arcade, e soprattutto su una maggiore facilità nel configurare il sistema, infatti per cambiare un gioco bastava semplicemente cambiare la cartuccia e non tutta la scheda, come accadeva in passato. Contemporaneamente SNK sviluppò una nuova versione del sistema: il NeoGeo AES, praticamente il sistema arcade in versione casalinga, per il noleggio a privati e messo in commercio solo successivamente al prezzo di 599 dollari con un gioco a scelta tra Nam-1975 e Baseball Stars Professional, il costo di una singola cartuccia era di 200 dollari. I giochi inizialmente uscivano contemporaneamente sia in versione MVS che AES, successivamente quando iniziò la vendita del sistema AES i giochi venivano distribuiti prima sul MVS e poi per l'AES, questo per non togliere incassi alle sale giochi. Diversi titoli non sono mai usciti in versione AES (tra cui: Bust a Move 1 e 2, Puzzle de Pon e Puzzle de Pon/R) Il sistema è uscito dal commercio nel 2004 con la pubblicazione di Samurai Showdown V Special. La longevità del NeoGeo è dovuta al fatto che serie come Metal Slug o The King of Fighters riuscivano ad essere qualitativamente tra le migliori in ambito bidimensionale. Nel 2006 il NG:DEV.TEAM.m, un team amatoriale tedesco, ha pubblicato una nuova cartuccia per il NeoGeo AES: Last Hope.

In Italia il NeoGeo (sia MVS che AES) era distribuito dalla General Game di Napoli.

IN AGGIORNAMENTO.

Edited by Lord Zaku III

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il saLto generazionale

Sony playstation

user posted image

Produttore Sony

Tipologia console a 32 bit

Generazione Era 32bit / 64 bit

Presentazione

alla stampa 1993

In vendita Giappone 3 dicembre 1994

Stati Uniti d'America 9 settembre 1995

Europa 29 settembre 1995

Supporto di

memorizzazione CD

Dispositivi

di controllo Joypad DualShock

Servizi online non presente

Unità vendute 102,49 milioni (marzo 2007)[1]

Gioco più diffuso Gran Turismo (10,5 milioni)[2]

Predecessore nessuno

Successore PlayStation 2

Specifiche

La scheda di sistema di una PlayStation modello SCHP7500

CPU

MIPS R3000A-compatible (R3051) 32bit RISC chip a 33.8688 MHz

Il chip è prodotto da LSI Logic Corp. con una tecnologia concessa da SGI. Il chip contiene il Geometry Transformation Engine ed il Data Decompression Engine.

Capacità:

* Performance di 30 MIPS

* Bus Bandwidth 132 Mb/s

* Instruction Cache 4 KB

* Data Cache 1 KB (non associative, solo 1024 bytes di mapped fast SRAM)

Geometry Transformation Engine

Si trova all'interno della stessa CPU ed è responsabile del rendering 3D graphics.

Capacità:

* Performance di 66 MIPS

* 360,000 Poligoni monocromi al secondo

* 180,000 Poligoni con texture e ombre al secondo

Data Decompression Engine

Anche questa si trova nella CPU ed è responsabile della decompressione di immagini e video.

Capacità:

* Compatibile con i formati MPEG-1 e H.261

* Performance di 80 MIPS

* Connesso direttamente al Bus della CPU

Graphics Processing Unit

Questo chip gestisce la grafica bidimensionale

Capacità:

* 16.7 milioni di colori

* Risoluzioni da 256x224 a 640x480

* Frame buffer modificabile

* Colour Lookup Tables illimitate

* Gestisce un massimo di 4000 8x8 pixel con dimensionamento e rotazione individuali

* Può gestire più sfondi contemporanente

* Gestisce luci, ombre e texture

Sound Processing Unit

Capacità:

* Può gestire sorgenti ADPCM fino a 24 canali ed un campionamento di 44.1 kHz

* Gestisce effetti audio digitali come:

o Pitch Modulation

o Envelope

o Looping

o Riverbero

* Gestisce fino a 512Kb di onde sonore campionate

* Supporta il MIDI

* Sui PC i file audio della Playstation sono riconosciuti come .PSF

Memoria

* Principale RAM: 2 Megabyte (4 Megabyte sulla Playstation "Blu" per sviluppatori)

* Video RAM: 1 Megabyte

* Audio RAM: 512 Kilobyte

* CD-Rom Buffer: 32 Kilobyte

* Sistema operativo ROM: 512 Kilobytes

* Le Memory Card per PlayStation sono in formato EEPROM e raggiungono i 128 Kilobyte

Driver CD-ROM

Capacità:

* Due velocità, con una capacità di lettura che raggiunge i 300 KB/s

* XA Compliant

Dispositivi di Input/Output

La PlayStation (PS1) (in lingua giapponese: プレイステーション) è una console per videogiochi a 32 bit, prodotta dalla Sony nel 1993.

Oltre a permettere di giocare con titoli dedicati (su supporto CD), consente anche l'ascolto di CD audio. La console è stata così popolare da indurre a definire i giovani degli anni '90 come la Generazione PlayStation.

Spesso si usa il termine PlayStation per riferirsi a tutte le recenti console di Sony, tuttavia per PlayStation, commercialmente, si dovrebbe intendere solo la prima versione della console. Ci si riferisce alla PlayStation anche con l'abbreviazione PSX, riprendendo il nome in codice usato durante la fase di sviluppo del sistema.

In ogni caso, dato che nel 2003 Sony ha avviato la produzione di una nuova console effettivamente chiamata PSX (un personal video recorder basato sulla tecnologia della PlayStation 2), questa denominazione è diventata eccessivamente confusionaria. L'abbreviazione ufficiale della PlayStation classica, quindi, è PS1, anche se molti continuano a chiamarla PSOne o PSX.

La prima idea di una PlayStation risale al 1986. Nintendo aveva cercato di lavorare con la tecnologia CD sin dai tempi del Super Nintendo, ma il supporto presentava problemi. La sua natura magnetica riscrivibile lo rendeva facilmente cancellabile (causando una mancanza di durabilità) e i dischi erano a rischio pirateria.

Di conseguenza, quando i dettagli del CDROM/XA (un'estensione del formato CD-ROM che combina audio compresso, grafica e computer data, il tutto accessibile simultaneamente) vennero resi noti, Nintendo si interessò. Il CDROM/XA era stato sviluppato da Sony e Philips. Nintendo affidò a Sony lo sviluppo di un drive CD da collegare al Super Nintendo, provvisoriamente chiamato "SNES-CD". Fu firmato un contratto, e il lavoro iniziò.

La scelta Nintendo ricadde su Sony per via di una precedente transazione: Ken Kutaragi, colui che fu poi soprannominato "Il padre della PlayStation", aveva venduto a Nintendo la licenza per l'utilizzo del processore Sony SPC-700 come sintetizzatore del suono ADPCM a 8 canali nella console Super Nintendo grazie ad una dimostrazione di grande effetto delle capacità del processore.

Sony aveva inoltre pianificato lo sviluppo di una console marchiata Sony, compatibile con Nintendo, ma che sarebbe stata anche un sistema di intrattenimento domestico, in grado di leggere sia le cartucce Super Nintendo e i dischi in formato CDROM/XA. Questo avrebbe dovuto essere anche il formato usato per i dischi del SNES-CD, così da permettere a Sony un ampio controllo nonostante Nintendo occupasse una posizione dominante nel mercato videoludico.

Nel 1989, lo SNES-CD stava per essere presentato al June CES. Tuttavia, quando Hiroshi Yamauchi lesse il contratto del 1988 tra Sony e Nintendo, realizzò che questo permetteva a Sony un controllo completo su tutti i titoli usciti nel formato SNES-CD. Yamauchi si infuriò; ritenne il contratto inaccettabile, e cancellò segretamente tutti i piani per l'unione Nintendo-Sony nello sviluppo dello SNES-CD.

Invece di annunciare la loro alleanza, nel giorno del CES, Howard Lincoln rivelò che erano alleati con Philips, e intendevano abbandonare tutto il precedente lavoro che Nintendo e Sony avevano compiuto. Lincoln e Minoru Arakawa erano (ad insaputa di Sony) stati nei quartieri generali Philips in Europa e avevano stretto un'alleanza di natura diversa dalla precedente, in cui Nintendo aveva controllo totale sulle licenze delle macchine prodotte da Philips.

L'annuncio fu un grande shock. Non solo fu una sorpresa per gli appassionati, ma fu visto da molti nella comunità giapponese come un tradimento: una società giapponese che snobba un'altra società giapponese in favore di una europea era considerato inconcepibile nel commercio giapponese.

Dopo il crollo del progetto d'unione, Sony considerò di fermare la loro ricerca, ma alla fine la società decise di usare quello che avevano sviluppato sino ad allora e farne una console completa. Questo portò Nintendo ad intraprendere una causa legale reclamando la rescissione del contratto e tentò, in una corte federale degli USA, di ottenere un'ingiunzione contro il rilascio della Play Station, per via del fatto che Nintendo avrebbe posseduto quel nome. Il giudice federale negò però l'ingiunzione. Pertanto, nell'ottobre 1991, la prima incarnazione della Sony Play Station fu rivelata; è stimato che ne furono prodotte circa 200.

Alla fine del 1992, Sony e Nintendo raggiunsero un accordo secondo cui "Sony Play Station" avrebbe comunque avuto una porta per le cartucce SNES, ma Nintendo avrebbe mantenuto i diritti e ricevuto i profitti dei giochi, mentre lo SNES avrebbe continuato ad usare il chip audio Sony. Tuttavia, la Sony realizzò che la tecnologia SNES stava diventando ormai obsoleta, e la nuova era di videogiochi era dietro l'angolo: il lavoro per rinnovare il progetto Play Station cominciò all'inizio del 1993, per raggiungere un nuovo livello di hardware e software; fu così rimossa la porta per la cartuccia SNES, tolto lo spazio tra i nomi, e nacque la PlayStation.

user posted image

user posted image

Un successo assoluto.

user posted image

Nel 1997 la PlayStation si afferma ufficialmente come la console numero uno in Europa e stringe un eccezionale accordo di sponsorizzazione con la UEFA Champions League.

Ad aprile 1998 viene lanciato il nuovo controller per PlayStation: il controller analogico o DualShock, come è meglio conosciuto. Le sue due levette analogiche danno l'opportunità di avere un maggiore controllo del gioco nei titoli di prossima uscita, mentre la funzione di vibrazione incorporata consente di sperimentare in prima persona gli effetti dell'azione sullo schermo.

A gennaio 1999 la produzione di PlayStation tocca il traguardo dei 50 milioni di unità, mentre si è quasi concluso lo sviluppo della tecnologia alla base di una nuova console.

user posted image

nintendo 64/

Produttore Nintendo

Tipologia console a 64 bit

Generazione quinta generazione

Presentazione

alla stampa 1995 (col nome di Ultra 64)

In vendita 1996

Supporto di

memorizzazione Cartuccia

Dispositivi

di controllo joypad a sei tasti, tre dorsali, croce direzionale e leva analogica

Servizi online modem per connessione a servizio Randnet (solo Giappone)

Unità vendute 32 milioni

Gioco più diffuso Legend of Zelda: Ocarina of Time

Predecessore Super Nintendo Entertainment System

Successore Nintendo GameCube

Il Nintendo 64 è l'evoluzione del super famicom (in America ed Europa super NES), consolle della Nintendo uscita nel 1990. Durante i primi anni novanta erano in sviluppo varie tecnologie per migliorare le capacità delle consolle dell'epoca: alcune di queste si erano tradotte in chip aggiuntivi che venivano di volta in volta inseriti a discrezione degli sviluppatori nelle cartucce e servivano per aumentare le prestazioni dei giochi aggiungendosi all'hardware del super nintendo.

Nel 1995/96, quando ormai l'era del super nes era avviata definitamente alla fine, sia le grandi software house iniziarono a pensare alla prossima generazione di consolle e mentre molte case optarono per il passaggio ai 32 bit, la Nintendo scelse invece di passare direttamente ai 64 bit, e così, dopo alcuni anni di sviluppo, nacque il Nintendo 64.

Il Nintendo 64DD è un'espansione per il Nintendo 64. La sigla DD sta a indicare "Dynamic Drive" il nome utilizzato durante lo sviluppo del prodotto. L'espansione utilizza l'EXTension Port posta sul lato inferiore del Nintendo 64.

[modifica]

Storia

Il 64DD venne annunciato nel 1995 durante il Nintendo Shoshinkai game show event (ora chiamato Spaceworld).

Tuttavia il 64DD venne distribuito unicamente in Giappone dal 1 dicembre 1999. Nintendo preannunciando un insuccesso commerciale del suo lettore di dischi digitali vendette il dispositivo a un servizio a sottoscrizione chiamato RANDnet che si preoccupava di vendere direttamente agli utenti finali l'espansione. Quindi il 64DD fu supportato da Nintendo per pochissimo tempo.

Dopo la presentazione del Nintendo GameCube molti giochi che erano stati inizialmente sviluppati per 64DD furono adattati e rilasciati per GameCube dato che la nuova piattaforma offriva migliori prospettive di guadagno rispetto a una periferica poco diffusa.

Caratteristiche

* La macchina si presenta come una scatola rettangolare di colore nero (ma durante gli anni uscirono anche edizioni speciali caratterizzate da colori diversi) con gli spigoli arrotondati e che presenta sul lato superiore una fessura per l'inserimento delle cartucce contenenti i giochi e sulla parte frontale i connettori per i joystick.

* La consolle funziona mediante cartucce che vengono direttamete inserite nella macchina, questo sistema permette di immagazzinare meno dati rispetto ai cd-rom, ma permette tempi di caricamento minimi, possibilità di salvataggio senza ausilio di memory card, ed ha scongiurato la piaga della pirateria.

* Il Nintendo 64 presenta quattro uscite per i joystick, in modo tale che si possa giocare con titoli multiplayer per quattro giocatori senza dover comprare supporti aggiuntivi come il multitap di Sony.

* La scheda di memoria è inserita direttamente dentro il joystick e là vengono salvati i progressi di un giocatore.

Giochi

Il Nintendo 64 vanta una softeca di primo ordine nonchè i migliori esponenti per quasi tutti i generi; platform, Super Mario 64, Banjo Kazooie, Banjo Tooie, Rayman 2, Donkey Kong 64, Conker'bad fur day. corse, Wave race 64, 1080° snowboarding, mario Kart 64, World Driver Championship. sparatutto, 007 Goldeneye, Perfect Dark, Turok 2, Jet Force Gemini. avventura, Zelda Ocarina of Time, Zelda Majora's Mask, Resident Evil 2, Shadowman, Castlevania. sport, Mario Golf, Iss 2000, Mario Tennis, Madden 99, WWf no Mercy. picchiaduro, Super Smash bros Melee e tantissimi altri.

user posted image

Componenti aggiuntivi [modifica]

Controller Pak

Controller Pak

Expansion Pak

Expansion Pak

Transfer Pak

Transfer Pak

Durante il ciclo di vita del Nintendo 64 vennero prodotti diversi componenti aggiuntivi ufficiali per la console.

* Controller Pak : una memoria da 256 KB che si inseriva sotto il pad, divisa in 123 "pagine". Successivamente la Nintendo, accortasi della minima dimensione di questa scheda di memoria decise di crearne altre versioni dalla dimensione da 1 fino a 4 MB.

* Expansion Pak : si tratta di un banco di 4 MB di RDRAM (Rambus DRAM) che va a affiancarsi al banco originale da 4 MB montato on-board, questo consente di raggiungere gli 8 MB di RAM, permettendo di utilizzare alte definizioni di gioco e molti altri miglioramenti. Alcuni giochi (come The Legend of Zelda: Majora's Mask) possono funzionare solo se l'Expansion Pak è stato installato sulla console, mentre altri giochi (come Perfect Dark) necessitano dell'Expansion Pak per poter attivare alcune funzionalità extra del gioco.

* Rumble Pak : è un accessorio che inserito nel joypad vibra durante il gioco in seguito a eventi generati nell'ambiente di gioco. Questo accessorio ormai è considerato uno standard disponibile per tutte le console delle ultime generazioni. Si tratta di fatto di un motorino alimentato da 2 pile ministilo.

* Transfer Pak : è un accessorio che inserito nel controller permette di trasferire i dati di gioco tra il Nintendo 64 e il Game Boy. Realmente, questo accessorio aveva una sola utilità, ossia quella di poter trasferire sul Nintendo 64 le immagini catturate con la Game Boy Camera ma in seguito fu adoperato nei giochi di Pokémon Stadium per passare dati dal Game Boy al Nintendo 64.

Molti giochi supportavano sia la vibrazione che il salvataggio sul Controller Pak e costringevano spesso l'utente a sostituire le 2 periferiche durante il gioco. Esistevano inoltre periferiche non originali che incorporavano sia la funzione di vibrazione che quella di memoria.

user posted image-user posted image-user posted image

PLAYSTATION

PLAYSTATION II

Produttore Sony

Tipologia console a 128 bit

Generazione Sesta era

Presentazione

alla stampa 1999

In vendita Giappone 4 marzo 2000

Stati Uniti d'America Canada 26 ottobre 2000

Europa 24 novembre 2000

Nuova Zelanda 30 novembre 2000

Supporto di

memorizzazione DVD, CD

Dispositivi

di controllo Joypad DualShock 2

Servizi online adattatore Ethernet per il gioco in rete

Unità vendute 111,25 milioni (marzo 2007) [1]

Gioco più diffuso Grand Theft Auto: Vice City (13 milioni)[2]

Predecessore PlayStation

Successore PlayStation 3

Specifiche tecniche [modifica]

Processore Emotion Engine

Processore Emotion Engine

* Central Processing Unit

o Processore Emotion Engine da 10 Milioni e mezzo di transistor

o Core a 128 Bit stabilizzato ad una frequenza di clock di 294 MHz (versione laser 299 MHz)

o Memoria di sistema: 32 MB Direct Rambus o RDRAM (anche alcuni computer usano questo tipo di RAM)

o Memory Bus Bandwidth: 3.2 GB per secondo

o Main processor: MIPS R5900 CPU core, 64 bit

o Co-Processor: FPU

o Vector Units: VU0 e VU1 128 bit

o Floating Point Performance: 6.2 GFLOPS

o 3D CG Geometric Transformation: 66 milioni di poligoni al secondo

o Compressed Image Decoder: MPEG-2

o I/O Processor interconnection: Remote Procedure Call link seriale, DMA controller

Processore Graphics Synthetizer

Processore Graphics Synthetizer

* Graphics Processing Unit

o Processore Graphics Synthetizer da 147 MHz

o 4 MB V-RAM

o DRAM Bus bandwidth: 47.0GB al secondo

o DRAM Bus width: 256-bit

o Pixel Configuration: RGB:Alpha:Z Buffer (24:8, 15:1 for RGB, 16, 24, or 32-bit Z buffer)

o Maximum Polygon Rate: 66 milioni di poligoni al secondo

o Connessione dedicata: Main CPU and VU1

* Suono: "SPU1+SPU2"

o Canali: 48 canali hardware di ADPCM su SPU2 più canali

o Sampling Frequency: 44.1 kHz or 48 kHz (selezionabile)

Processore PlayStation

Processore PlayStation

* Processore Input/Output

o CPU Core: Original PlayStation CPU (MIPS R3000A cloccato a 33.8 MHz or 37.5 MHz)

o Sub Bus: 32 Bit

o Connessioni a: SPU e controller CD/DVD.

o Interfaccia: 2 porte controller PlayStation, 2 porte Memory Card che usano la compressione MagicGate, vano espansione (DEV9 o PCMCIA su modelli precedenti) porta per adattatore di rete, Modem e Hard Disk Drive, IEEE 1394, porta per controllo Infrarosso, e 2 porte USB 1.0.

* Disc Media:

o CD: PlayStation CD-ROM, PlayStation 2 CD-ROM, CD-DA, CD-DA (ROM), CD-R, CD-RW, SACD, SACD Hybrid (CD layer), SACD HD, DualDisc, DualDisc (audio side), DualDisc (DVD side)

o DVD: PlayStation 2 DVD-ROM, DVD-Video, DVD-ROM, DVD-R, DVD-RW, DVD+R, DVD+RW con protezione anticopia. Non è compatibile con il formato video Divx (Avi).

user posted image

La PlayStation 2 (PS2) (in giapponese: プレイステーション2) è una console ossia una piattaforma dedicata ai videogiochi ed è stata immessa sul mercato da Sony Computer Entertainment per la prima volta nel Marzo del 2000 in Giappone.

La PlayStation 2, seguendo le orme della prima console Sony è diventata in breve tempo la macchina più venduta della sua generazione videoludica con più di 100 milioni di unità riuscendo a coniugare qualità e quantità dopo un inizio non proprio soddisfacente. La macchina, già forte del successo della console precedente, ha acquisito grande popolarità con il tempo grazie al crescente aumento di titoli di gioco di altissimo livello.

Ha saputo battere nettamente la concorrenza del Dreamcast, ultima console targata Sega, del Gamecube di Nintendo, e dell'Xbox di Microsoft. Da questa macchina come per la PlayStation originale, è nata poi una "sorella minore" (PlayStation 2 Slim) di dimensioni più compatte ed eleganti con il collegamento alla rete ethernet e un ricevitore infrarossi incorporati.

user posted image

Storia

Il primo anno una lenta produzione e problemi di esportazione negli altri paesi hanno influito molto sulle vendite. Solo alcune migliaia di utenti hanno ricevuto la macchina entro la fine del 2003. Inoltre alcuni produttori hanno avuto diverse obiezioni sul sistema di sviluppo del software che sembra essere piuttosto complicato e differente da quello ad esempio utilizzato per la creazione di giochi per PC e Xbox. Solo mesi dopo la Sony ha fatto avere ai produttori un diverso sistema di sviluppo che andasse maggiormente incontro alle loro richieste.

La PS2 venne presentata all'E3 di Los Angeles. Furono preparati in fretta e furia due demo dimostrative della capacità della console. Poi, sotto gli occhi del presidente della Sony, si presentò la nuova console animando in tempo reale riflessi acquatici di un bagno sott'acqua (per evidenziare l'abbondanza di curve di Bézier rispetto ai poligoni della precedente Playstation 1) e il movimento naturale dei capelli sul viso di un personaggio di Final Fantasy. Il risultato fu straordinario: non soltanto tutti questi calcoli complicati e queste animazioni venivano realizzate in tempo reale, ma addirittura col minimo sforzo.

Le vendite di hardware sembravano aver raggiunto il punto di saturazione del mercato nel 2004. A settembre però, in contemporanea al lancio del gioco Grand Theft Auto: San Andreas, Sony ha sostituito la PlayStation 2 con la PS2 Slim (soprannominata anche PSTwo), simile alla sorella maggiore ma di dimensioni molto inferiori.

Sottovalutando le vendite della nuova console la Sony ha causato in alcune zone un blocco delle vendite, proprio nel periodo delle vacanze natalizie. Problemi nella distribuzione si sono avuti in Gran Bretagna quando una nave russa si bloccò nel Canale di Suez arrestando il viaggio di una nave cinese carica di nuove PSTwo.

Naturalmente in queste settimane (in cui la vendita è passata dalle 70000 unità a soli 6000 pezzi) la console Xbox è riuscita a guadagnare terreno sulle vendite rispetto alla macchina Sony.

La PS2 lancia una vera rivoluzione controcorrente: la possibilità di mettere la console in verticale (cosa non prevista da tutte le altre console) e la sua produzione in due colori, nero e silver; con queste piccole accortezze, unite alla possibilità di leggere CD musicali e vedere film in DVD, la PS2 non è più solo la console di gioco destinata ai figli, ma un sistema d'intrattenimento completo per tutta la famiglia.

La PS2 si libera dal vecchio concetto di console per adolescenti e bambini, trovandosi ad abbracciare un target di pubblico anche adulto con una varieta' di giochi senza precedenti.

user posted image--user posted image--user posted image--user posted image

Tecnologia grafica: le curve di Bèzier [modifica]

La PS2 rivoluziona il suo motore grafico e il suo modo di rappresentare la realtà.

Fino ad oggi eravamo abituati a vedere costruito un videogioco (dallo sfondo al personaggio, fino al più piccolo oggetto) usando i poligoni, in quanto sono una soluzione economica in termini di tempo in quanto il programmatore copre lo scheletro iniziale (della scena o del personaggio) con tanti poligoni, che però vanno ricalcolati ogni volta, rendendo il gioco lento e pesante in scenari complessi.

Ecco quindi il motivo per cui in alcuni giochi si vedevano i famosi "punti scoperti" dove i poligoni non erano ancora stati calcolati, rendendo il gioco decisamente scomodo, nonchè non molto bello esteticamente (tutti i personaggi, da Tekken ai giocatori della serie Fifa avevano ginocchia e gomiti squadrati in una maniera impressionante).

Grazie alla maggior potenza (128 bit anzichè 32) di calcolo ora sulla PS2 si fa un largo impiego delle curve di Bèzier.

La curva di Bèzier è un complicato algoritmo che permette di creare rotondità, visi dolci, ruscelli scintillanti e sabbia che si sposta sotto i nostri piedi.

Il concetto è che, mentre col poligono si ricalcolava ogni volta l'algoritmo in base alla scena, con la curva di Bèzier viene calcolato una volta all'inizio dello scenario: risparmio di risorse e visione perfetta da qualsiasi angolazione.

Questo largo uso delle curve di Bèzier non era concepibile prima in quanto la potenza della Playstation 1 poteva permettersi di gestire ben poche curve per scenario, rendendolo pesante e lento da caricare (quindi maggior effetto grafico a scapito della giocabilità).

Utilizzo di giochi non originali e successo commerciale in Italia [modifica]

Le due versioni a confronto

user posted image

Se nel caso della Ps1 uno dei fattori che portarono all'incredibile successo commerciale, almeno in Italia, è da ricercarsi nell'irrisoria semplicità delle modifiche hardware necessarie per rendere compatibile la console con giochi non ufficiali o duplicati illegalmente, nel caso della Ps2 la situazione cambia ma non troppo.

Da un lato la difficoltà di realizzazione, dall'altro il prezzo decisamente più elevato dei componenti necessari per la "modifica" della Ps2 hanno reso più difficile tale operazione, ma non ne hanno certo fermato la diffusione, anche dopo il rilascio della versione "slim".

Allo stesso modo appaiono relativamente poco diffusi altri sistemi (software) per rendere la console compatibile coi giochi non originali, soprattutto a causa di diverse limitazioni che riducono il numero di giochi compatibili con questi espedienti.

Data la situazione, può apparire sorprendente l'ottimo successo commerciale della Ps2 in Italia.

In realtà la ragione di questo successo, nonostante il costo elevato dei giochi, è da ricercarsi in un radicale cambio di abitudini da parte della clientela italiana: mentre l'utente della Ps1 si era abituato a "provare" qualunque nuovo gioco, dato l'irrisorio costo di duplicazione, l'utente della seconda generazione Ps appare concentrarsi soprattutto sulle nuove e più spettacolari versioni dei titoli già popolari nella versione Ps1. E soprattutto appare disposto a spendere cifre altissime (anche 40 € per Pro Evolution Soccer 5), per acquistarne una versione orginale, sapendo che questa spesa sarà ammortizzabile comunque in un lungo lasso di tempo (è indicativo che la maggior parte dei titoli più popolari abbiano tempi di sviluppo dell'ordine dei 2-3 anni).

Compatibilità Hardware

La PlayStation 2 può leggere sia i CD che i DVD, rendendola compatibile con l'intero catalogo di videogiochi della console precedente estendendo di fatto a diverse centinaia i giochi disponibili al lancio della macchina. Il fatto che la PlayStation 2 legga i dvd ha fatto sì che molti acquirenti giustificassero in questo modo l'alto prezzo di partenza della macchina e in effetti grazie anche a questa possibilità il DVD video (film) è diventato uno dei beni tecnologici più acquistati, portando di conseguenza il suo prezzo a diminuire.

La PlayStation 2 è compatibile anche con le vecchie periferiche PlayStation, come i joypad e le memory card (queste solo per i giochi per la prima console). Appena uscita sul mercato la PlayStation 2 aveva diverse caratteristiche in più rispetto alle sue concorrenti, come ad esempio il lettore DVD, che, per esempio, la console Sega Dreamcast non aveva, mentre la console Microsoft Xbox sì, anche se però uscì prima, ovvero nel 2002.

Inoltre le nuove periferiche per PS2, oltre ad essere notevolmente più creative e stimolanti (si passa dal microfono alla cam al tappeto da ballo), godono di un moderno collegamento USB (a cui si possono anche collegare delle stampanti compatibili per stampare degli screenshot dei nostri giochi preferiti, ove possibile, vedi GT4).

Nel tempo diversi modelli di PlayStation 2 si sono succeduti, apportando piccole modifiche alla macchina e alla compatibilità verso alcuni supporti ottici, come i DVD registrabili. Una delle modifiche più importanti apportate riguarda ad esempio la drastica riduzione del rumore della ventola di raffreddamento della console.

Compatibilità Software

La retrocompatibilità con i vecchi giochi PlayStation è stato un punto importantissimo della strategia di vendita Sony. In questo modo tutti i giocatori possessori della vecchia console hanno potuto tenere tutti i loro giochi senza doversene disfare e tutti gli acquirenti che non possedevano la prima PlayStation hanno avuto accesso ad un catalogo di giochi che superano le 500 unità. Come bonus poi la PS2 ha la possibilità di far girare più velocemente un gioco PS1 (diminuendo ad esempio i tempi di caricamento) e la capacità di migliorare la grafica di gioco, anche se effettivamente queste opzioni su alcuni giochi possono causare il blocco della lettura da cd durante la partita. Tutti i software PlayStation contengono poi il blocco regionale (come per la maggior parte dei film in dvd), non consentendo ad esempio ad una PlayStation 2 europea di leggere software giapponese.

Gioco Online

Con la prima versione PlayStation 2 era necessario acquistare una parte hardware, PS2 Network Adapter, che permetteva il collegamento alla rete e l'aggiunta di un Hard Disk EIDE. Ma con l'uscita della PS2 Slim (la versione piccola), tale periferica è stata inclusa nella consolle. Solo alcuni giochi però hanno la possibilità di essere eseguiti in rete. Al contrario della console Xbox e di xbox live , servizio molto famoso per le sua prestazioni ed affidabilità, anche se inferiore il gioco in rete è gratuito (senza contratto) utilizzando il servizio PS2Online, anche se le case di software possono utilizzare un proprio server per i far girare i propri giochi in rete. Tuttavia, il sistema usato non è stato molto convincente.

user posted image

Il controller della PS2, chiamato DualShock 2, è molto simile a quello prodotto per la PlayStation 1 e ha le medesime funzionalità di base. Include però il meccanismo di misurazione della sensibilità rispetto alla pressione dei tasti, è più leggero e ha due livelli di vibrazione aggiuntivi. Inoltre i due motori sono stati potenziati, fornendo così una vibrazione maggiormente realistica e accurata.

Altri nuovi accessori sono il telecomando, il modem, memory card, tappeto da ballo, mouse, tastiera e la videocamera Eye Toy.

Il telecomando è composto da un telecomando per DVD Sony (opportunamente modificato con qualche tasto in più) e un ricevitore ad infrarossi da collegare alla console per la ricezione del segnale. Vista la scomodità del cavo e la poca dimestichezza con il gamepad che alcuni hanno, il telecomando rende la console un lettore DVD a tutti gli effetti.

Esistono controller non ufficiali dotati di wireless, composti da due parti, un controller senza fili ed un ricevitore da attaccare alla playstation come un normale joystick. Alcuni modelli permettono diverse frequenze di trasmissione per poter utilizzare due o più controller wireless.

console di gioco (come Sony PlayStation) consentono ai videogiocatori di salvare i dati relativi al gioco che stanno utilizzando (i primi titoli non supportavano questo tipo di salvataggi, perché brevi o fornivano password legate ad ogni livello, ma oramai sono tutti compatibili con le memory card) per poi ricaricarli in un secondo momento.

In questo modo, se per esempio si sta giocando con un gioco come Tomb Raider, dove la giovane archeologa protagonista deve attraversare vari livelli prima di giungere alla meta, si potrà interrompere il gioco e memorizzare sulla memory card la posizione, gli equipaggiamenti, il punteggio e tutto quanto necessario per poter riprendere il gioco dal punto in cui lo si è interrotto.

Senza questo accorgimento molti giochi non potrebbero essere portati a compimento data la loro lunghezza che può richiedere molte ore per il completamento.

Il salvataggio può avvenire su specifica volontà dell'utente oppure automaticamente (con funzione "Autosave" attivata).

xBOX

user posted image

Produttore Microsoft

Tipologia console a 128 bit

Generazione Sesta era

Presentazione

alla stampa 2001

In vendita 15 novembre 2001 in USA, 2002 in Europa

Supporto di

memorizzazione DVD

Dispositivi

di controllo Joypad

Servizi online Xbox Live

Unità vendute 24 milioni

Gioco più diffuso Halo 2

Predecessore nessuno

Successore Xbox 360

Specifiche Tecniche [modifica]

Particolare dell'interno della console

Particolare dell'interno della console

* CPU: Processore Intel a 733 MHz (Celeron/Pentium III ibrido)

* Processore grafico: chip custom a 250 MHz dal nome NV2A, sviluppato congiuntamente da Microsoft e nVIDIA (comparabile ad una scheda GeForce 4 di fascia bassa, con il supporto per le DirectX 9.0)

* RAM: 64 MB DDR SDRAM a 200 MHz

* Memory Bandwidth: 6.4 GB/s

* Polygon Performance: 125 M/s*

* Sustained Polygon Performance: 100+ M/s (transformed and lit polygons per second)

* Micropolygons/particles per second: 125 M/s

* Particle Performance: 125 M/s

* Simultaneous Textures: 4

* Pixel Fill Rate - No Texture: 4.0 G/s (antialiasing)

* Pixel Fill Rate - 1 Texture: 4.0 G/s anti-aliased

* Compressed Textures: Sì (6:1)

* Full Scene Anti-Alias: Sì

* Micro Polygon Support: Sì

* Storage Medium: 2-5x DVD, hard disk da 8 o 10, memory card da 8MB

* Canali Audio: 64 3D canali (fino a 256 voci stereo)

* 3D Audio Support: Sì

* MIDI DLS2: Sì

* AC3 (Dolby Digital) Encoded Game Audio: Sì (via TOSLINK)

* Broadband Enabled: Sì (10/100base-T ethernet)

* DVD Movie Playback: Sì (richiede il DVD Playback kit/telecomando opzionale)

* Risoluzione massima (2x32bpp frame buffers +Z): 1920(vert.)x1080(horiz)

* Nota: le televisioni non HD (alta definizione) hanno meno di 500 righe orizzontali

* Supporto per la televisione HDTV: Sì

* Controller Ports: 4 porte USB in formato proprietario

* Peso: 3,86kg

* Dimensioni: 324 × 265 × 90mm (12.8 × 10.4 × 3,5"

La Xbox è una console per videogiochi prodotta da Microsoft, in vendita dal 15 novembre 2001. Rappresenta il primo tentativo di entrare nel mercato delle console da parte di Microsoft, dopo aver collaborato con SEGA nel convertire Windows CE per la console Dreamcast.

Alcuni titoli realizzati in esclusiva per l'Xbox e che sono usciti insieme alla console comprendono Amped, Dead or Alive 3, Oddworld: Munch's Oddysee, Halo e Project Gotham Racing, che hanno poi avuto tutti dei sequel, incluso Halo 2.

Microsoft ha realizzato l'Xbox utilizzando materiale tutto sommato analogo a quello presente nei PC standard, a differenza di quanto avviene abitualmente nella progettazione delle console per il gioco, che invariabilmente adottano un ingegnerizzazione con architettura proprietaria. Compongono l'Xbox:

* Una CPU Intel Celeron (Coppermine) con velocità di clock di 733 MHz

* Un processore grafico nVIDIA NV2A che in termini di confronto rispetto a quelli montati su una scheda video di un normale PC è qualcosa di intermedio tra le serie GeForce 3 e 4.

* 64 MB di RAM.

* Un'unità DVD-ROM.

* Un hard disk ATA da 8 o 10 GB .

* Un connettore Ethernet per connessione LAN a 10/100 Mbit/s.

Sebbene la Xbox sia basata sull'architettura PC ed esegua una versione ridotta del kernel di Windows 2000, sono state introdotte alcune restrizioni per evitarne l'uso con applicazioni non approvate da Microsoft. Non c'è comunque voluto molto perché la comunità hacker trovasse il modo di aggirare le limitazioni riuscendo ad installare una versione adattata di GNU/Linux rendendo la Xbox utilizzabile come un qualsiasi PC senza comunque inficiarne le funzioni di console da gioco.

La Xbox ha ricevuto critiche per le sue dimensioni e per il peso che la rendono più ingombrante delle sue concorrenti. La ragione è da ricercare prevalentemente nell'utilizzo di un Hard Disk di dimensioni standard e di un lettore DVD-Rom. Anche così, resta comunque considerevolmente più compatta di un analogo computer da tavolo con hardware paragonabile.

Una Xbox ed un Controller S

Una Xbox ed un Controller S

Altra critica portata alla Xbox è che il joypad originale potrebbe essere troppo grande per alcune persone. Per il mercato giapponese è stato sviluppato un joypad più compatto che, in seguito, è stato distribuito anche negli altri mercati con il nome di Controller S. Le nuove console vengono vendute con il Controller S rendendo, di fatto, il controller originale obsoleto e non supportato.

Sebbene alcuni critici abbiano speculato sul tentativo di Microsoft di monopolizzare il mercato delle console con la sua Xbox, si stima che al novembre 2004 la quota di mercato mondiale della Xbox sia di poco superiore a quella del Nintendo Gamecube ma molto distante da quella della Playstation 2. C'e' da dire, comunque, che la Xbox non ha incontrato, per ragioni probabilmente culturali, i favori del pubblico Giapponese, privandola di un mercato particolarmente ricco.

Per affrontare la concorrenza, Microsoft ha più volte ritoccato al ribasso il prezzo della sua console allontanando, di volta in volta, il ritorno al pareggio per la sua divisione Xbox. Sebbene possa apparire anomalo, è usuale che le vendite delle console vengano fatte a prezzi vicini se non inferiori ai costi di produzione e distribuzione. Le case, infatti, fanno grossi profitti sul software. Microsoft stessa, al momento del lancio della Xbox, ha dichiarato di non aspettarsi utili dalle vendite prima di tre anni dal lancio.

Nel novembre del 2002 Microsoft ha lanciato il servizio di gaming on-line Xbox Live rendendo possibile ai giocatori il confronto con giocatori di tutto il mondo. nel Luglio 2004 è stato annunciato il raggiungimento del milione di utenti.

Dispositivi e accessori [modifica]

* Cavo AV standard: Permette il collegamento video (composito) e audio (mono o stereo) ai televisori che dispongono di presa RCA. Fornito con la console. La versione destinata al mercato europeo è corredata di un adattatore dal formato RCA al formato SCART in aggiunta al cavo standard.

* Adattatore RF: Fornisce un segnale audio e video combinato attraverso un connettore RF.

* Advanced AV Pack: Una breakout box che permette i collegamenti S-Video e TOSLINK audio in aggiunta al video composito e audio stereo forniti dal cavo AV standard.

* High Definition AV Pack: Una breakout box, dedicata alle HDTV, che fornisce il segnale video YPrPb tramite tre connettori RCA. Fornisce anche le uscite RCA analogica e TOSLINK audio.

* Cavo SCART avanzato: L'equivalente europeo dell'Advanced AV Pack, che fornisce una connessione integrale RGB video SCART al posto della S-Video, connessione video RCA composito e audio stereo (video composito e stereo sono comunque assicurati tramite il cavo, attraverso il connettore SCART, in aggiunta al segnale RGB), mantenendo il connettore audio TOSLINK. Visto che in Europa non è stato definito uno standard HDTV, per tale mercato non viene fornito alcun tipo di cavo per l'alta definizione.

*

o Numerosi cavi ed adattatori di terze parti forniscono combinazioni di uscite non disponibili nei pacchetti di accessori video ufficiali; comunque, con l'eccezione di alcuni adattatori VGA specifici, i quattro pacchetti video ufficiali rappresentano la totalità delle uscite disponibili per la Xbox. Questo assortimento di soluzioni è reso possibile dalla presenza della porta AVIP (analoga alla SCART).

* Unità di Memoria: Una scheda di memoria di tipo solid state da 8MB, sulla quale i salvataggi dei giochi possono essere sia scritti direttamente che copiati dall'hard disk. Da notare che alcuni dei giochi più recenti, ad es. Ninja Gaiden, hanno abbandonato il supporto di questa periferica come misura di prevenzione della pirateria.

* Cavo System Link: un cavo incrociato Cat 5 per permettere la connessione tra due consoles, fino ad un massimo di 8 giocatori possibili. È inoltre utilizzato per trasferire informazioni del sistema Xbox Live da una console all'altra.

* Cavo Ethernet: cavo Ethernet di categoria 5 per collegare la propria Xbox ad un modem ethernet o ad un router; non esiste un cavo "ufficiale", qualunque cavo Ethernet può essere utilizzato;

* DVD Playback Kit: necessario per poter visionare film in DVD, il kit include un telecomando ed un ricevitore infrarosso. La possibilità di visionare film in DVD non è stata inclusa tra le capacità standard della console a causa di problemi di licenza con il formato DVD, che ne avrebbe aumentato il prezzo base. Vendendo un kit separato, Microsoft ha potuto includervi il costo della licenza senza però dover maggiorare il prezzo del sistema base. Sebbene non vi sia nulla che impedisca all'Xbox di comportarsi come un lettore DVD di tipo progressive-scan, Microsoft ha scelto di non abilitare questa caratteristica nel DVD Playback Kit, allo scopo di evitare il pagamento di royalty ai detentori della licenza relativa al progressive scan.

* Adattatore wireless: un bridge wireless che consente di convertire il flusso dati passante su un cavo ethernet in un segnale wireless (802.11b o 802.11g); consente la connessione ad Internet senza fili. Esiste un adattatore wireless ufficiale, ma è generalmente possibile utilizzarne uno qualunque.

* Xbox Live Kit: un kit che consente di usufruire dei servizi online messi a disposizione da Xbox Live; oltre all'abbonamento, viene fornita una cuffia con microfono per il gioco online. Il set cuffia+microfono di Microsoft può essere sostituito da uno standard qualunque. Microsoft ha rilasciato una versione speciale di questo kit per il gioco Halo 2.

* Xbox Media Center Extender: un kit che trasforma l'Xbox in un Media Center compatibile con Windows Media Center Edition. Consente lo streaming di materiale multimediale da un PC verso la console. Il kit può anche essere utilizzato per leggere i DVD.

user posted image

user posted image

MODIFICHE

In Italia, Spagna e Germania alcuni tribunali si sono già pronunciati sulla liceità delle pratiche di modifica di console.

La recente popolarità dell'Xbox ha ispirato dei tentativi di eludere i meccanismi di protezione software e hardware così come ha ispirato delle modifiche all'aspetto esteriore del case. Le modifiche hardware influenzano tutto, dalla semplice sostituzione della gemma verde sul case con una personalizzata fino all'apertura del case stesso per installare dei modchip (vi sono su internet molti siti che vendono (dove ciò è legale) delle Xbox già modificate).

Vista della mainboard del'Xbox Microsoft, dal lato componenti, dopo la rimozione delle unità disco

Vista della mainboard del'Xbox Microsoft, dal lato componenti, dopo la rimozione delle unità disco

Le modifiche al software sono meno invadenti e cercano di modificare le routine che impediscono alla Xbox di eseguire programmi non firmati. Queste modifiche permettono di utilizzare diverse interfacce come Avalunch o Evolution-X e consentono di giocare a vecchi giochi arcade tramite degli emulatori. Il che non è poi tanto male perché la Xbox è progettata per essere usata con la TV ed è possibile dotarla di joystick arcade come quelli delle sale giochi.

L'hard disk originale può essere sostituito con uno più grosso per poter copiare i giochi su DVD nell'hard disk e giocarli direttamente. Ciò richiede una Xbox modificata e un'interfaccia alternativa ma permette di ridurre i tempi di caricamento.

Oltre ai giochi, una Xbox modificata può essere usata per riprodurre film su DVD senza l'apposito kit e può essere utilizzata per inviare stream audio e video sulla rete. Inoltre è possibile eseguire Microsoft Windows CE o GNU/Linux.

Modificare una Xbox richiede l'apertura del case e annulla la garanzia della console. Le modifiche interne poi posso bloccare il servizio Xbox Live e per questo molti modificatori usano un sistema che permette di disattivare la modifica della propria macchina. Dal novembre 2004 la Microsoft ha intrapreso nuove azioni per bloccare il servizio Xbox Live alle Xbox modificate. Ci sono molte teorie su come questo blocco sia effettuato. Una di queste teoria afferma che ci sia un collegamento tra il numero seriale dell'hard disk e quello della Xbox stessa e che vengano bloccate le macchine in cui i due numeri non combacino a causa della parte cambiata. Un'altra teoria pensa che probabilmente vengano controllate le modifiche ai file mentre un'altra pensa che Microsoft controlli se la chiave unica di ogni hard disk è cambiata.

Esiste una modifica software in grado di eseguire interfacce alternative (e giochi di backup) senza installare chip, quindi facilmente ripristinabile per tornare a usare Xbox Live: è necessario effettuare un hot swap del disco rigido su un PC munito del programma Xplorer360 e sostituire i file di sistema.

Al momento si crede che Microsoft confronti ogni numero seriale di Xbox con quello dell'hard disk durante la connessione a Xbox Live e quelli che non combaciano vengono bloccati. Dovrebbe quindi essere possibile utilizzare una Xbox modificata sul servizio Live se l'hard disk è quello originale o se comunque è stato cambiato prima del primo collegamento a Xbox Live.

Infine, dato che Xbox Live controlla anche la firma digitale dell'eseguibile principale sul disco rigido, è possibile installare uno speciale modchip in grado di effettuare il boot da una partizione del disco che non viene controllata da Xbox Live (quella dei salvataggi). Ciò permette di utilizzare Xbox Live, copie di backup e interfacce alternative senza ulteriori manomissioni, ma non di giocare online con copie di backup.

user posted image

gamecube

user posted image

Produttore Nintendo

Tipologia console a 128 bit

Generazione sesta era

Presentazione

alla stampa 2000

In vendita 14 settembre 2001 in Giappone

Supporto di

memorizzazione mini-DVD proprietari

Dispositivi

di controllo joypad a quattro pulsanti, due levette, croce direzionale, tre dorsali

Servizi online adattatore Ethernet (in alternativa modem 56k) per l'uso con Phantasy Star Online

Unità vendute 21,59 milioni [1]

Gioco più diffuso Super Smash Bros. Melee

Predecessore Nintendo 64

Successore Nintendo Wii

Caratteristiche tecniche [modifica]

Disco ottici del GameCube

Disco ottici del GameCube

Processore PowerPC Gekko

Processo di fabbricazione 0,18 micrometro IBM Copper Wire Technology

Frequenza di clock 485 MHz

Capacità CPU 1125 Dmips (Dhrystone 2.1)

Precisione dati interna 32 bit su interi e 64 bit su operazioni in virgola mobile

Banda passante bus esterno 1,3 GB/secondo valore di picco (32 bit address space, 64 bit data bus 162 MHz clock)

Cache interna L1: istruzioni 32 KB, data 32KB (8 vie), L2: 256KB (2 vie)

Processore Grafico Custom ATI/Nintendo "Flipper"

Processo di fabbricazione 0.18 micron NEC Embedded DRAM Process

Frequenza di clock 162 MHz

Embedded Frame Buffer Circa 2MB, Latenza : 6.2ns (1T-SRAM)

Embedded Texture Cache Circa 1MB, Latenza : 6.2ns (1T-SRAM)

Texture Read Bandwidth 10.4GB/secondo (valore di picco)

Main Memory Bandwidth 2,6GB/secondo (valore di picco)

Profondità pixel 24 bit colore, 24 bit Z Buffer

Image Processing Functions

* Nebbia

* Subpixel

* Anti-aliasing

* 8 luci in hardware

* Alpha Blending

* Virtual Texture Design

* Multi-texturing

* Bump Mapping

* Environment Mapping

* MIP Mapping

* Bilinear Filtering

* Trilinear Filtering

* Anisotropic Filtering

* Real-time Hardware Texture Decompression (S3TC)

* Real-time Decompression of Display List

* HW 3-line Deflickering filter

System Floating-point Arithmetic Capability 10.5 GFLOPS (Peak) (MPU, Geometry Engine, HW Lighting Total)

Poligoni reali da 6 a 12 milioni di poligoni/secondo (Peak)

Memoria del sistema 40 MB

Memoria principale 24 MB MoSys 1T-SRAM, Ca. 10 ns di latenza sostenibile

Memoria A 16 MB (81 MHz DRAM)

Unità disco Sistema CAV (Constant Angular Velocity, Velocità angolare costante)

Tempo medio di accesso 128 ms

Velocità trasferimento dati da 16 Mbps a 25 Mbps

Media Disco per NINTENDO GAMECUBE da 3 pollici, basato sulla Optical Disc Technology di Matsushita, capacità di circa 1,5 GB

Input/Output

* 4 porte Controller

* 2 Slot Memory Card

* Output AV analogico

* Output AV digitale (Presente solo in alcune revisioni hardware)

* 2 porte seriali ad alta velocità

* porta parallela ad alta velocità

Blocco alimentatore Blocco alimentatore DC12V x 3.25A

Dimensioni unità principale 11.4 cm (A) x 15 cm (L) x 16 cm (P)

Tutte le seguenti funzioni relative all'audio sono incorporate nel Sistema LSI.

Processore audio Custom Macronix 16 bit DSP

Memoria istruzioni 8 KB RAM + 8 KB ROM

Memoria dati 8 KB RAM + 4 KB ROM

Frequenza clock 81 MHz

Performance 64 canali simultanei, compressione ADPCM

Frequenza di sampling 48 KHz

Il Nintendo GameCube (in giapponese: ゲームキューブ - abbreviazione: NGC), noto originariamente con il nome in codice "Dolphin", è la quarta console prodotta da Nintendo. Appartiene alla sesta generazione di console di cui fanno parte Dreamcast (Sega), PlayStation 2 (Sony) e Xbox (Microsoft). La console nipponica è stata lanciata nel mercato in diverse date in base alla regione di appartenenza:

* 14 settembre 2001 in Giappone

* 18 novembre 2001 in Nord America

* 3 maggio 2002 in Europa

Il primo annuncio di lancio fu pubblicato sul numero 145 della rivista Nintendo Power, mentre nel numero successivo, fu dedicato un articolo al primo gioco per GameCube: Luigi's Mansion.

Il GameCube fu atteso a lungo da tutti coloro che erano rimasti delusi dalla decisione di Nintendo di fornire il Nintendo 64 di un sistema a cartucce per la distribuzione dei giochi anziché dei compact disc. Infatti l'utilizzo di un supporto a cartucce, anziché su supporto ottico, presenta l'effetto collaterale di far lievitare il prezzo dei giochi.

GameCube con controller

GameCube con controller

Dalla forma simile a un cubo, la scocca esterna del NGC è disponibile in diversi colori (arancione, verde, platino, ecc...), ma i principali colori restano l'indaco (veste sotto cui apparve al grande pubblico la prima volta) e il nero. In Giappone, in edizione limitata e spesso accompagnato dalla pubblicazione di un nuovo gioco, fu rilasciato a strisce nere su sfondo bianco, rosso, blu acqua o bianco cristallo. Il Nintendo GameCube utilizza dischi ottici dal diametro di circa 8 centimetri con capacità di circa 1.5 gigabyte di formato proprietario prodotti dalla Panasonic. Il Nintendo GameCube non supporta alcun altro formato, né CD né DVD, ma un prodotto ibrido tra il Nintendo GameCube e un lettore DVD è stato lanciato sempre dalla Panasonic esclusivamente in Giappone, con il nome "DVD/GAME Player Q".

Punto forte della console Nintendo è la connettività possibile con gli altri sistemi portatili prodotti dalla casa di Kyoto, il Game Boy Advance e versioni successive (SP e Micro). Tale connessione tra sistemi permette il trasferimeno dei dati di gioco. Esempi di questa funzionalità includono l'uso del Game Boy Advance come controller alternativo per determinati giochi (come Final Fantasy: Chrystal Chronicles e The Legend of Zelda: Four Swords Adventures). Informazioni relative al gioco possono essere visualizzate sullo schermo a colori del GBA per comodità/convenienza e per evitare che si disturbi il giocatore occupando la parte dello schermo del televisore. Questa funzionalità è utilizzata anche per sbloccare "segreti" come nuovi livelli, personaggi o minigiochi se in un gioco sia la versione per GameCube che quella per Game Boy Advance sono connesse insieme. Fino a quattro Game Boy Advance possono essere collegati al GameCube attraverso le quattro porte per i controller, tramite un cavo (link) venduto separatamente per ogni sistema portatile che si voglia collegare al GC. Nintendo incoraggia l'utilizzo di queste funzioni, inserite da diverse case produttrici nei giochi da esse prodotti.

Approccio con sviluppatori di terze parti [modifica]

Importante aspetto della politica adottata dalla Nintendo nel sostenere la console domestica a 128 bit è la rinnovata relazione tra Nintendo e le sue licenze. A differenza di ciò che avvenne con le precedenti console (Nintendo fu più volte vista "litigare" con gli sviluppatori di terze parti. Ad esempio, nell'era 64 bit, con il Nintendo 64, Nintendo conquistò l'appoggio di pochissime case produttrici), Nintendo ha aperto le porte dello sviluppo, contribuendo economicamente ed inviando kit di sviluppo a molte case produttrici di giochi. In ogni caso, Nintendo non poteva permettere di respingere le offerte di sviluppo, anzi, da quando ha perso il dominio del mercato a vantaggio della Sony, la casa di Kyoto ha più di una volta avanzato richieste di contratti esclusivi sulla produzione di giochi. Tra i più importanti risultano gli accordi con Capcom per l'intera serie di Resident Evil, e con Namco.

La più difficile battaglia combattuta da Nintendo è stata contro la sua reputazione di console per "bambini". Reputazione che l'azienda non vuole cancellare formalmente avendo attuato fino a poco tempo fa una politica commerciale orientata verso quel mercato. Da quando però il mercato dei videogiochi ha coinvolto fasce di età via via sempre maggiori, Nintendo ha dovuto adattarsi a favore di giochi più "adulti" come i già citati Resident Evil e Final Fantasy.

Pur distante dai successi dei suoi predecessori, il Gamecube si è difeso discretamente nel mercato a 128 bit, vendendo circa 22 milioni di console (un dato vicinissimo a quello dell'Xbox), creando nuovi giochi di notevole successo, e costruendo le fondamenta per la nuova console Nintendo. Nel febbraio 2007 la console risulta ancora in produzione anche se le modeste vendite di natale e alcune dichiarazioni contrastanti all'interno di Nintendo spingono a pensare che entro breve le produzione verrà interrotta.

kem16.gif IN AGGIORNAMENTO.

Share this post


Link to post
Share on other sites

abc20180426

puma outlet

 

louboutin shoes

 

canada goose jackets

 

nike air max 2018

 

valentino outlet

 

michael kors outlet online

 

nfl jerseys

 

fitflop shoes

 

coach outlet online

 

cheap ugg boots

 

timberland outlet

 

polo ralph lauren outlet

 

jordans

 

michael kors outlet store

 

the north face jackets

 

birkenstock sale

 

timberland shoes

 

tory burch shoes

 

ugg outlet store

 

new balance outlet

 

canada goose sale

 

cheap jordan shoes

 

air jordans

 

nike outlet store

 

burberry handbags

 

adidas yeezy boost

 

supreme uk

 

nike air max 97

 

cheap oakley sunglasses

 

coach outlet online

 

hermes bags

 

pandora charms

 

pandora charms outlet

 

cheap jordans

 

pandora charms

 

michael kors bags

 

oakley sunglasses wholesale

 

canada goose sale

 

adidas ultra boost

 

ferragamo outlet

 

pandora uk

 

birkenstock outlet store

 

coach outlet online

 

kate spade handbags

 

coach outlet store online

 

nike air max 90

 

nike outlet online

 

ray bans

 

supra for sale

 

adidas sneakers

 

longchamp bags

 

birkin handbags

 

nike sneakers

 

cheap jordans for sale

 

moncler outlet online

 

hollister sale

 

adidas nmd r1

 

moncler outlet online

 

coach outlet online

 

michael kors

 

pandora charms sale

 

ugg outlet online

 

michael kors outlet online

 

birkenstock outlet store

 

air max

 

ralph lauren uk

 

coach factory outlet online

 

coach factory outlet

 

coach outlet store

 

oakley sunglasses for women

 

canada goose jackets

 

supra for sale

 

canada goose jackets

 

louis vuitton handbags

 

ugg outlet store

 

kate spade handbags

 

the north face outlet

 

pandora jewelry outlet

 

adidas nmd runner

 

adidas outlet store

 

ecco shoes for women

 

cheap air jordans

 

uggs

 

pandora charms

 

ray ban sunglasses outlet

 

polo ralph lauren outlet

 

pandora outlet

 

abercrombie kids

 

mlb jerseys cheap

 

nike outlet store

 

moncler jacket

 

canada goose jackets

 

coach factory outlet

 

cheap jordan shoes

 

adidas yeezy shoes

 

yeezy boost 350

 

jordan shoes

 

ralph lauren

 

jordan shoes for sale

 

ugg sale

 

michael kors outlet store

 

michael kors outlet clearance

 

moncler uk

 

pandora charms sale clearance

 

canada goose coats

 

yeezy boost 350

 

philipp plein

 

kate spade outlet online

 

yeezy shoes

 

air jordan retro

 

supreme clothing

 

burberry outlet online

 

ray ban sunglasses discount

 

pandora sale clearance

 

polo ralph lauren outlet online

 

louis vuitton factory outlet

 

moncler coats

 

pandora jewelry

 

pandora charms sale

 

birkenstock sandals

 

fitflops sale

 

moncler uk

 

cheap jordan shoes

 

coach factory outlet

 

nmd adidas

 

coach outlet canada

 

cheap jordans

 

nike huarache shoes

 

mulberry uk

 

uggs outlet

 

tory burch outlet online

 

birkenstock uk

 

mlb jerseys

 

kate spade outlet store

 

air jordan shoes

 

ralph lauren outlet online

 

north face outlet

 

adidas yeezy boost

 

nike shoes outlet

 

timberland outlet

 

louboutin outlet

 

pandora charms outlet

 

canada goose jackets

 

cheap oakley sunglasses

 

cheap jordans free shipping

 

christian louboutin shoes

 

polo ralph lauren

 

ralph lauren outlet

 

coach factory outlet

 

durant shoes

 

kate spade outlet

 

salvatore ferragamo shoes

 

adidas nmd r1

 

cheap air jordans

 

fitflop uk

 

louis vuitton outlet store

 

cheap jordan shoes

 

coach outlet store online

 

fred perry polo shirts

 

discount oakley sunglasses

 

coach outlet

 

kate spade outlet online

 

ugg boots

 

cheap air jordans

 

pandora charms outlet

 

coach factory outlet online

 

coach outlet online

 

polo ralph lauren outlet online

 

gucci outlet

 

tory burch outlet online

 

timberland boots

 

nike outlet store online

 

michael kors outlet clearance

 

adidas campus shoes

 

adidas outlet online

 

ray ban sunglasses sale

 

mbt

 

adidas yeezy boost

 

adidas outlet online

 

coach outlet store online

 

mbt shoes sale

 

ralph lauren sale clearance uk

 

air max

 

moncler sale

 

nba jerseys wholesale

 

pandora jewelry store

 

canada goose jackets

 

michael kors

 

moncler

 

canada goose jackets

 

oakley sunglasses outlet

 

nike outlet

 

tiffany and co outlet

 

converse outlet

 

pandora outlet

 

pandora jewelry outlet

 

prada shoes

 

ralph lauren uk

 

pandora charms uk

 

moncler jackets

 

ugg boots

 

gucci outlet online

 

ralph lauren outlet online

 

polo ralph lauren outlet

 

coach outlet online

 

birkenstock shoes

 

cheap air max

 

coach outlet online

 

coach factory outlet online

 

coach outlet online

 

coach factory outlet online

 

discount oakley sunglasses

 

cheap oakley sunglasses

 

michael kors outlet store

 

air max outlet

 

oakey sunglasses outlet store

 

canada goose sale

 

coach outlet store

 

birkenstock uk

 

adidas outlet

 

polo ralph lauren outlet

 

mcm bags

 

red bottom heels

 

nike air max 2019

 

polo outlet online

 

pandora rings

 

longchamp outlet store

 

supreme shirts

 

coach outlet online

 

birkenstock outlet

 

adidas outlet store

 

rolex replica watches

 

moncler sale

 

michael kors outlet store

 

mont blanc pen

 

coach factory outlet online

 

louis vuitton outlet online

 

coach factory outlet online

 

coach outlet online

 

moncler coats

 

adidas shoes

 

pandora charms sale clearance

 

ugg canada

 

toms shoes

 

adidas superstar shoes

 

fitflop shoes

 

discount oakley sunglasses

 

michael kors outlet store

 

michael kors

 

coach factorty outlet online

 

louis vuitton factory outlet

 

nike running shoes

 

canada goose outlet store

 

pandora charms sale clearance

 

yeezy boost 350

 

fitflop sandals

 

coach outlet online

 

adidas yeezy

 

michael kors outlet

 

louboutin outlet

 

fred perry outlet

 

tory burch handbags

 

kate spade outlet online

 

mulberry handbags

 

ralph lauren uk

 

birkenstock sale

 

adidas yeezy boost 350

 

tory burch outlet store

 

ugg boots women

 

canada goose coats

 

coach factory outlet online

 

yeezy shoes

 

ugg boots sale

 

christian louboutin shoes

 

michael kors outlet clearance

 

bottes ugg

 

fitflops sale clearance

 

nike outlet store

 

mlb jerseys wholesale

 

yeezy shoes

 

michael kors outlet store

 

ugg boots

 

ugg canada

 

michael kors bags

 

vans outlet

 

coach outlet online

 

oakey sunglasses outlet

 

ralph lauren

 

michael kors outlet online

 

fitflops sale

 

tiffany and co jewelry

 

louboutin shoes

 

rolex replica watches for sale

 

nike air max uk

 

canada goose jacket

 

new balance outlet store

 

pandora jewelry

 

oakley sunglasses outlet

 

cheap oakley sunglasses

 

canada goose jackets

 

nike outlet

 

ralph lauren outlet online

 

cheap jordan shoes

 

michael kors uk

 

hermens

 

canada goose

 

coach outlet online

 

cheap oakley sunglasses

 

reebok outlet

 

ugg boots

 

coach factory outlet online

 

louis vuitton outlet

 

christian louboutin shoes

 

oakley sunglasses outlet

 

cheap jordan shoes

 

red bottom

 

philipp plein outlet

 

michael kors handbags

 

nike sneakers

 

polo ralph lauren outlet online

 

mcm outlet store

 

moncler pas cher

 

nfl jerseys

 

nmd adidas

 

fitflop uk

 

hermes bag

 

cheap nfl jerseys wholesale

 

cheap ray ban sunglasses

 

fitflop sandals

 

ugg boots

 

air max shoes

 

cheap ray ban sunglasses

 

polo ralph lauren

 

coach outlet online

 

discount ray ban sunglasses

 

coach outlet store online

 

nike air max 97

 

michael kors outlet store

 

adidas superstars

 

nike air max 2018

 

mbt

 

michael kors outlet online

 

michael kors outlet store

 

fitflops uk

 

ralph lauren sale

 

red bottoms

 

pandora jewelry

 

coach outlet store

 

coach outlet store online clearance

 

mlb jerseys cheap

 

pandora charms sale clearance

 

tiffany outlet

 

adidas store

 

adidas originals

 

coach outlet online

 

canada goose sale

 

christian louboutin shoes

 

birkenstock outlet

 

coach factory outlet online

 

ralph lauren outlet

 

supreme shirts

 

coach factory outlet online

 

pandora charms outlet

 

kate spade outlet online

 

canada goose coats

 

valentino outlet

 

moncler jackets

 

canada goose jackets

 

fitflops sale clearance

 

coach outlet online

 

cheap nike shoes

 

canada goose jackets

 

nike zoom

 

michael kors outlet clearance

 

longchamp outlet

 

uggs outlet

 

canada goose

 

toms outlet online

 

hermes bags

 

canada goose

 

hollister clothing store

 

ralph lauren uk

 

kate spade handbags

 

timberland boots outlet

 

asics outlet

 

ugg outlet

 

air max 90

 

adidas yeezy

 

kate spade outlet

 

timberland outlet store

 

fitflops sale

 

canada goose jackets

 

moncler outlet online

 

valentino

 

christian louboutin sale

 

air jordan shoes

 

ferragamo shoes

 

mont blanc pens

 

ralph lauren outlet

 

ugg boots outlet

 

gucci outlet online

 

ralph lauren outlet online

 

nba jerseys cheap

 

retro 11

 

ray ban sunglasses outlet

 

canada goose

 

ray ban glasses

 

ecco outlet

 

coach outlet online

 

pandora charms sale clearance uk

 

toms outlet store

 

canada goose parka

 

michael kors canada

 

abercrombie and fitch canada

 

ralph lauren outlet online

 

hermes handbags

 

nike outlet online

 

coach factory outlet

 

air max

 

prada outlet online

 

adidas nmd r1

 

michael kors outlet online

 

ugg outlet online

 

adidas nmd r1

 

coach factorty outlet online

 

salvatore ferragamo outlet

 

kobe shoes

 

canada goose coats

 

canada goose

 

nike shoes

 

louis vuitton outlet

 

michael kors outlet

 

pandora jewelry

 

mulberry

 

kate spade outlet online

 

michael kors outlet online

 

vans outlet store

 

polo ralph lauren outlet

 

canada goose jackets uk

 

longchamp sale

 

canada goose jackets

 

yeezy boost

 

kate spade outlet

 

michael kors outlet online

 

coach factory outlet

 

coach factory outlet online

 

canada goose jackets

 

tods shoes

 

louis vuitton outlet online

 

moncler outlet online

 

uggs outlet

 

cheap jordan shoes

 

birkenstock outlet online

 

adidas outlet online

 

coach outlet online

 

skechers outlet

 

canada goose sale

 

birkenstock shoes outlet

 

yeezy boost 350

 

harden vol 1

 

michael kors outlet online

 

hollister clothing

 

oakley sunglasses outlet

 

mulberry outlet uk

 

converse all star

abc20180426

Share this post


Link to post
Share on other sites

20180517 xiaoou

michael kors outlet online

true religion uk

michael kors outlet

ugg boots on sale

nike shoes outlet

coach handbags

cheap jordan shoes

mbt shoes outlet

polo ralph lauren outlet online

cheap jordan shoes

cheap jerseys

clippers jerseys

air max 90

jeep shoes

nike presto

nike shoes on sale

cheap jerseys wholesale

canada goose outlet

adidas trainers

ed hardy outlet

michael kors bags

tory burch outlet online

michael kors uk

nike outlet

burberry outlet

canada goose outlet

cheap ugg boots

coach outlet

barbour outlet store

michael kors uk

oakley sunglasses

off white

michael kors outlet store

valentino outlet

swarovski jewelry

ferragamo shoes

ugg outlet

canada goose

michael kors handbags

ugg boots for women

tory burch outlet store

michael kors outlet clearance

canada goose outlet store

coach outlet store online

oakley sunglasses wholesale

canada goose outlet

burberry outlet online

christian louboutin shoes

michael kors outlet online

ralph lauren shirts

polo ralph lauren

cheap michael kors handbags

cazal sunglasses

polo ralph lauren

canada goose jackets

canada goose jackets

coach factory outlet

coach outlet

nobis jackets

fitflops shoes

coach outlet

wellensteyn jackets

canada goose jackets outlet

mlb jerseys wholesale

ugg boots

polo outlet

canada goose outlet online

tory burch outlet

tory burch outlet

canada goose jackets clearance

hornets jerseys

reebok trainers

chicago blackhawks jerseys

jordan shoes

coach canada

cheap ray ban sunglasses

manolo blahnik outlet

oakley sunglasses wholesale

coach outlet store online

coach outlet store online

uggs outlet

ralph lauren

air jordan shoes

golden state warriors

polo ralph lauren shirts

ugg boots clearance

lacoste shirts

barbour outlet

michael kors outlet

ferragamo outlet

nfl jerseys

christian louboutin shoes

pandora charms

coach outlet

ralph lauren polo

mulberry handbags

ugg boots

ugg boots clearance

chrome hearts outlet store

polo ralph lauren outlet

oakley sunglasses

uggs outlet

wellensteyn outlet

burberry outlet

christian louboutin sale

ralph lauren polo shirts

polo ralph lauren

cheap jordans

polo ralph lauren

michael kors outlet online

ralph lauren outlet

michael kors outlet clearance

true religion jeans

cheap oakley sunglasses

cheap ray ban sunglasses

oakley sunglasses sale

canada goose

ralph lauren polo

coach factory outlet

fitflops

cheap ray ban sunglasses

cheap jerseys wholesale

ralph lauren polo shirts

adidas outlet online

air max uk

longchamp handbags

longchamp outlet

christian louboutin

true religion jeans

swarovski crystal

ugg outlet

five fingers shoes

supra shoes

air max 90

ugg outlet

ubiq shoes

pacers jerseys

coach outlet store online

nike store uk

polo ralph lauren outlet

canada goose jackets

canada goose outlet

ray ban sunglasses

2018 world cup jerseys

pandora charms

marc jacobs outlet

nike store

polo outlet

air jordan shoes

ugg boots clearance

fitflops sandals

ray ban sunglasses

mulberry handbags

coach handbags outlet

palladium boots

coach outlet online

longchamp outlet store

longchamp pas cher

ray ban outlet

michael kors outlet clearance

canada goose outlet

coach outlet canada

true religion outlet

polo outlet

coach outlet store online

uggs outlet

michael kors outlet

kate spade sale

swarovski outlet

canada goose jackets

michael kors wallets for women

michael kors outlet clearance

jordan shoes

cheap jerseys

coach handbags

adidas yeezy boost

michael kors

michael kors outlet stores

air huarache

hermes outlet store

cheap nba jerseys

louboutin outlet

clarks shoes

michael kors outlet

longchamp pas cher

ugg boots

mont blanc outlet

michael kors outlet

pandora charms sale clearance

coach outlet online

cheap oakley sunglasses

canada goose outlet

prada shoes for men

ferragamo shoes

denver broncos jerseys

air max 90

pandora charms

michael kors outlet clearance

michael kors outlet clearance

ralph lauren polo

tory burch outlet

bulls jerseys

pandora charms sale clearance

cheap uggs

coach outlet store online

ugg boots

canada goose outlet store

canada goose uk

longchamp outlet online

chrome hearts sunglasses

pandora outlet

prada shoes

air jordan shoes

michael kors outlet

michael kors wallets

ugg outlets

michael kors handbags outlet

true religion jeans

christian louboutin outlet

canada goose jackets sale

air jordan shoes

pandora outlet

adidas shoes

ferragamo outlet

cheap oakley sunglasses

coach outlet online

coach outlet store

nike shoes

coach outlet online

polo ralph lauren

ray-ban sunglasses

world cup jerseys

moncler outlet online

polo outlet factory store

pandora charms

cheap oakley sunglasses

nike blazer pas cher

michael kors outlet

ralph lauren outlet

nba jerseys wholesale

michael kors online

canada goose outlet store

canada goose outlet store

michael kors outlet online

blackhawks jerseys

canada goose

air jordan retro

reebok shoes

michael kors outlet online

adidas wings

coach outlet clearance

oakley sunglasses

ugg outlet

polo ralph lauren

pandora outlet

coach outlet

oakley sunglasses

hawks jerseys

coach outlet online

jordan retro

jordan shoes

oakley sunglasses

pandora outlet

michael kors uk

canada goose jackets

hermes birkin bag

ralph lauren polo

ugg boots

cheap football shirts

pandora charms sale clearance

michael kors outlet clearance

true religion outlet

burberry outlet store

cheap ray ban sunglasses

canada goose outlet store

true religion jeans

burberry outlet sale online

ray ban sunglasses outlet

keen shoes

real madrid jersey

nike shoes

oakley sunglasses wholesale

adidas nmd

canada goose outlet

oakley sunglasses

canada goose outlet store

pandora jewelry

ray ban sunglasses outlet

uggs outlet

michael kors outlet online

mulberry bags

cheap oakley sunglasses

ralph lauren

ugg outlet

yeezy boost

coach factory outlet

puma outlet

kobe shoes

canada goose outlet store

ugg canada

nike store uk

hermes online

adidas shoes

coach factory outlet

polo ralph lauren

ray ban sunglasses

canada goose jackets

air jordan shoes

ray-ban sunglasses

coach factory outlet

fitflops

longchamp handbags

pandora outlet

oakley sunglasses

cheap jordan shoes

polo ralph lauren shirts

mulberry outlet

air max 2015

michael kors outlet

pandora outlet

michael kors outlet clearance

swarovski outlet store

mulberry bags

uggs outlet

michael kors outlet online

pandora jewelry

christian louboutin shoes

oakley sunglasses

oakley sunglasses

pandora charms sale clearance

oakley sunglasses wholesale

coach outlet online

michael kors outlet clearance

coach outlet online

ugg outlet

mulberry handbags sale

coach factory outlet

michael kors outlet

jordan retro

uggs on sale

tory burch handbags

polo ralph lauren

michael kors handbags

pandora charms sale clearance

air max 90

nike air force 1

mac outlet

fitflops

cheap jordan shoes

cheap jordans

canada goose jackets

canada goose jackets

michael kors outlet online

supra shoes sale

coach outlet online

hermes outlet

balenciaga sneakers

coach factory outlet

coach outlet

polo ralph lauren outlet

uggs outlet online

true religion outlet

moncler outlet

golden state warriors jersey

kobe shoes

pandora outlet

michael kors outlet

michael kors outlet online

marc jacobs sale

polo ralph lauren

canada goose outlet online

cheap oakley sunglasses

pandora charms sale clearance

ray ban sunglasses

asics shoes

nike factory outlet

michael kors uk

christian louboutin shoes

jordan shoes

coach outlet

ray ban sunglasses outlet

true religion jeans

ugg boots clearance

ray ban sunglasses outlet

canada goose jackets

thunder jerseys

air jordan 4

michael kors outlet online

chrome hearts outlet

canada goose outlet online

oakley sunglasses

pandora jewelry

polo ralph lauren outlet

fitflops

canada goose

prada sunglasses for women

air force 1 shoes

nike roshe run

nike trainers

canada goose outlet

knicks jerseys

denver broncos jerseys

oakley sunglasses

cheap jordans

canada goose coats

jack wolfskin

coach factory store

adidas nmd r1

pandora outlet

louboutin shoes

mulberry handbags

nfl jerseys wholesale

coach outlet online

pandora jewelry

cheap jordan shoes

canada goose jackets outlet

canada goose jackets

air jordan retro

nfl jerseys wholesale

louboutin pas cher

oakley sunglasses

air jordan release dates

manchester united jersey

michael kors outlet

nike roshe run

michael kors handbags

air max 90

mavericks jerseys

air max 90

ugg outlet stores

bottega veneta outlet online

michael kors outlet

ray ban sunglasses outlet

nike shoes

nike nba jerseys

oakley sunglasses wholesale

columbia sportswear

supreme

canada goose outlet

ugg outlet

valentino shoes

oakley sunglasses wholesale

bottega veneta outlet

coach outlet online

nike roshe

pandora jewelry

cheap oakley sunglasses

mulberry bags

converse shoes

yeezy boost 350

oakley sunglasses wholesale

canada goose jackets

ugg outlet

mlb jerseys

nike air max 2015

lacoste pas cher

air max 90

longchamp solde

michael kors outlet online

swarovski jewelry

warriors jerseys

manolo blahnik outlet

coach outlet

true religion jeans

polo ralph lauren outlet

ralph lauren outlet

christian louboutin outlet

ugg boots on sale

michael kors outlet clearance

michael kors

ralph lauren outlet

tods outlet online

coach outlet

kobe 9

golden goose sneakers

cheap ugg boots

mizuno shoes

coach outlet

soccer jerseys

air max 2017

nike outlet store

air jordan retro

michael kors handbags

nike outlet online

pandora jewelry outlet

cheap ray ban sunglasses

cleveland cavaliers jersey

nike shoes on sale

michael kors outlet

michael kors handbags

cazal outlet

nike air max 90

canada goose outlet store

coach outlet

moncler jackets

ugg outlet

canada goose outlet store

christian louboutin

pandora outlet

ray ban sunglasses

polo ralph lauren

tory burch outlet online

canada goose outlet store

longchamp handbags

canada goose uk

ugg outlet

prada shoes on sale

ugg outlet

canada goose parka

cheap jordans

cheap jordans

canada goose outlet store

ferragamo outlet

coach outlet online

saucony shoes

michael kors canada

true religion jeans

coach outlet online

ferragamo shoes

pandora charms sale clearance

canada goose outlet online

polo outlet online

manolo blahnik

pandora jewelry

polo ralph lauren shirts

tory burch outlet online

jazz jerseys

pandora jewelry

cheap jordans

pandora charms

cheap oakley sunglasses

coach factory outlet

polo outlet

nuggets jerseys

polo ralph lauren

christian louboutin sale

ray ban sunglasses

giuseppe zanotti outlet

oakley sunglasses wholesale

moncler outlet

spurs jerseys

true religion outlet

nike air huarache

michael kors outlet online

canada goose outlet

michael kors outlet clearance

christian louboutin

christian louboutin

fitflops outlet

air max shoes

coach factory outlet

nike air max 90

uggs outlet

uggs

michael kors outlet online

nobis outlet

coach outlet online coach factory outlet

coach outlet store online

ray ban sunglasses

pandora jewelry

canada goose outlet store

mulberry handbags

le coq sportif shoes

ugg boots

polo ralph lauren

swarovski crystal

longchamp handbags

longchamp pas cher

michael kors outlet

cheap jordans

louboutin shoes

cheap jordans

fitflops sale clearance

nike shoes outlet

cheap oakley sunglasses

longchamp outlet

mac makeup

cheap ray ban sunglasses

christian louboutin outlet

cheap jordan shoes

nike air max 90

ralph lauren outlet

cheap jordans free shipping

nfl jersey wholesale

polo ralph lauren outlet online

ray ban sunglasses outlet

uggs outlet

jerseys wholesale

adidas shoes

canada goose outlet store

cheap oakley sunglasses

longchamp solde

fitflops sale clearance

longchamp outlet online

canada goose outlet

coach outlet

canada goose jackets outlet

coach outlet store online

cheap jordans

canada goose outlet

air force 1

true religion outlet store

pandora jewelry

ray ban sunglasses

soccer shoes

cheap ray ban sunglasses

coach outlet

coach outlet online

polo outlet

nets jerseys

magic jerseys

nike outlet store

canada goose jackets

cheap ray ban sunglasses

ugg boots clearance

birkenstock sandals

jordan shoes

longchamp handbags

coach outlet online

cheap jordans

coach handbags online outlet

burberry outlet

pandora jewelry

uggs clearance

ralph lauren outlet

michael kors outlet clearance

true religion jeans

prada handbags

christian louboutin

ralph lauren shirts

canada goose outlet

coach outlet online

air huarache

burberry outlet

michael kors outlet

christian louboutin shoes

mulberry handbags

nike shoes outlet

ralph lauren outlet

coach outlet

ralph lauren outlet online

coach outlet

ugg boots

oakley sunglasses wholesale

cheap soccer jerseys

cheap ray ban sunglasses

swarovski uk

coach outlet store online

oakley sunglasses wholesale

michael kors outlet

michael kors outlet clearance

ray ban sunglasses outlet

adidas outlet online

canada goose jackets

pandora outlet

coach factory outlet

ralph lauren pas cher

canada goose

nhl jerseys

coach outlet store

nike factory store

cheap nhl jerseys

uggs outlet

cheap nhl jerseys

true religion jeans

cheap jordan shoes

jordan shoes

longchamp solde

cheap jordan shoes

christian louboutin

mont blanc pens

tory burch outlet online

christian louboutin shoes

michael kors outlet

michael kors outlet

coach factory outlet

canada goose outlet

ugg boots

kobe bryants shoes

air jordan shoes

uggs outlet

longchamp solde

nfl jerseys

mcm outlet

canada goose jackets

hermes outlet

prada outlet online

cleveland cavaliers jerseys

cheap ugg boots

coach outlet online

canada goose outlet

polo ralph lauren outlet online

michael kors outlet clearance

cheap snapbacks

pandora charms sale clearance

supreme uk

suns jerseys

broncos jerseys

ugg boots

20180517

Share this post


Link to post
Share on other sites

<

<
michael kors outlet
kate spade handbags
canada goose jackets
pandora charms sale clearance
nike air max
pandora charms sale clearance
polo outlet
ugg boots clearance
mcm bag
michael kors handbags
pandora charms outlet
coach outlet online
pandora jewelry outlet
michael kors outlet online
polo ralph lauren shirts
coach factory outlet
ugg outlet
coach outlet
nfl jerseys
uggs outlet
supreme t shirts
prada outlet
ray ban sunglasses wholesale
polo outlet
coach outlet online store
ray ban sunglasse
polo ralph lauren
oakley sunglasses wholesale
birkenstock outlet
christian louboutin sale
pandora jewelry
ugg boots
polo shirts
canada goose jackets
fred perry polo shirts
nfl jerseys wholesale
christian louboutin shoes
canada goose outlet
adidas outlet store
uggs outlet
birkenstock shoes
canada goose outlet
pandora jewelry
mont blanc outlet
canada goose
mont blanc pens
adidas shoes
ugg outlet
canada goose outlet online
cheap jordan shoes
ralph lauren pas cher
pandora jewelry outlet
polo ralph lauren outlet
adidas yeezy
pandora charms
coach outlet
coach factory outlet
polo ralph lauren
hermes outlet
coach outlet
polo ralph lauren
michael kors outlet
canada goose outlet
pandora outlet
coach outlet online
nike outlet
michael kors outlet
michael kors outlet
true religion
coach outlet
michael kors outlet
snapbacks wholesale
pandora outlet
coach outlet
canada goose
valentino outlet
canada goose jackets
ugg boots
valentino outlet store
nike shoes
polo outlet
cheap oakley sunglasses
coach outlet 
pandora jewelry outlet
lacoste clothing
michael kors
ray ban sunglasses outlet
coach factory outlet
ugg boots clearance
coach outlet
ralph lauren shirts
michael kors outlet
fitflops sale clearance
polo ralph lauren
kate spade outlet online
coach factory outlet
coach outlet
ralph lauren sale
pandora charms sale clearance
christian louboutin
adidas nmd r1
true religion outlet
ralph lauren uk
supreme outlet
cheap oakley sunglasses
pandora outlet
cheap ugg boots
pandora
kate spade bags
pandora outlet
moncler outlet
[url=http://www.michaelkorsoutletonlinesite.us.com ]michael kors outlet clearance[/url]
ugg outlet
cheap ugg boots
coach outlet online
michael kors outlet
michael kors outlet
pandora charms
coach outlet store online
mont blanc
mcm handbags
michael kors outlet
nike air jordan 4
off white clothing
coach outlet online
canada goose outlet
canada goose jackets
ray ban wayfarer
canada goose
nhl jerseys wholesale
pandora charms outlet
michael kors outlet clearance
coach factory outlet
mbt outlet
oakley sunglasses wholesale
longchamp handbags
pandora outlet
ray ban wayfarer
ralph lauren polo shirts
michael kors outlet online
true religion outlet
ralph lauren shirts
christian louboutin shoes
canada goose outlet
cheap ray ban sunglasses
pandora charms sale clearance
pandora outlet
polo ralph lauren
ugg boots clearance
kate spade outlet online
canada goose outlet
pandora charms outlet
oakley sunglasses
kate spade outlet
coach outlet online
true religion jeans sale
ray ban sunglasses
canada goose
coach outlet
mbt shoes
michael kors outlet online
coach factory outlet
polo ralph lauren
pandora jewelry
kate spade bags
nike shoes
true religion jeans
nike air max
ray ban sunglasses
coach outlet online
pandora outlet
longchamp outlet
christian louboutin outlet
polo ralph lauren outlet
mulberry outlet
nike outlet
canada goose jackets
adidas outlet online
coach outlet online
ugg boots
pandora charms
clarks outlet
polo ralph lauren
pandora
cheap jordans for sale
polo ralph lauren
coach outlet online
ugg boots
coach outlet
coach outlet online
polo ralph lauren
michael kors outlet clearance
michael kors outlet
adidas shoes for men
ultra boost
michael kors outlet
christian louboutin
lacoste polo
christian louboutin shoes
cheap oakley sunglasses
nike shoes
pandora jewelry
kate spade outlet
cheap mlb jerseys
tory burch outlet
michael kors outlet
canada goose
ugg boots clearance
christian louboutin shoes
louboutin shoes
kate spade outlet
coach outlet store online
pandora outlet online
polo ralph lauren outlet
pandora charms outlet
michael kors outlet clearance
pandora jewelry
christian louboutin shoes
christian louboutin shoes
prada outlet store
cheap oakley sunglasses
nfl jerseys wholesale
ralph lauren
true religion
mlb jerseys
mlb jerseys
michael kors outlet
moncler outlet
jordan retro shoes
ugg outlet
michael kors outlet online
ed hardy jeans
coach outlet online
pandora jewelry outlet
louis vuitton outlet
true religion
fred perry shirts
moncler jackets
michael kors outlet clearance
michael kors outlet online
canada goose
uggs canada
pandora jewelry
ralph lauren shirts
fitflops clearance
cheap air jordan
adidas yeezy shoes
mont blanc outlet
ralph lauren outlet
fitflops sale
mont blanc pens
kate spade outlet store
pandora jewelry
true religion outlet
canada goose outlet
michael kors handbags sale
ralph lauren outlet
ralph lauren
pandora outlet
nike shoes for men
oakley sunglasses wholesale
cheap jerseys
canada goose
christian louboutin
michael kors outlet online sale